Navigazione spacer

Versione StampaVersione Stampa Versione Stampa
Invia ad un AmicoInvia ad un Amico Invia ad un Amico
Aggiungi ai PreferitiAggiungi ai Preferiti Aggiungi ai Preferiti

spacer
STORIA GENERALE     

L’acquisizione di un minimo di consapevolezza storica vuole che si conosca quello che è stato il lungo dramma della progressiva conquista della civiltà da parte delle generazioni da noi più lontane.
Quello che i libri di storia non raccontano diventa per il prof Ciro Roselli un bisogno urgente. Questi testi possono essere, come sostiene l’autore, veramente un validissimo punto di partenza perché ci si avvicini ad una realtà che viviamo tutti i giorni, ma in maniera poco consapevole per la poca abitudine ad interrogarci sui fatti, ancor meno a discutere e metterci in discussione



STORIA GENERALE
STORIA GENERALE       

  LA COSTITUZIONE   (scorrere pagina)                i
LA  NOSTRA UNITA' D'ITALIA  (STORIA) ISBN: 978-1-4466-3363-2 Altamura del 1799 Provincia di Foggia Provincia di Bari Controrivoluzione del 1799{La restaurazione borbonica La storia della Puglia { Il Risorgimento{ Il 1848 (Bisceglie etc) { La difesa della Costituzione { Azione di Garibaldi Il Risorgimento nell’Italia meridionale { Brigantaggio (Puglia – Basilicata) { Vita rurale e cittadina Conclusione e crisi del Risorgimento Dallo Statuto Albertino alla Costituzione Repubblicana Inni e canti del Risorgimento d’Italia €16.48     http://www.lulu.com/
  
LA NOSTRA UNITA' D'ITALIA     RECENSIONE  I.I.S.S. DENORA  ALTAMURA  A FINE PAGINA
 Autore Ciro Roselli
Casa Editrice lulu.com
prezzo   €16.48
ebook  €4.78
Anno 2010
 pagine 310
ISBN 
 
978-1-4466-3363-  2

Breve corso di Storia. Dalle origini ai giorni nostri

Aggiungi al carrello  http://www.lafeltrinelli.it/

Listino
€ 32,00
Editore

Roselli Ciro

Collana
ilmiolibro.it
Data uscita
14/07/2010
 
Pagine
552
Lingua
Italiano
 
EAN
2120004768763

 
PER LA MEMORIA
CORSO DI STORIA GENERALE
 
Casa Editrice ilmiolibro.it
Autore Ciro Roselli - Vincenza Angelastri
Anno 2009
Casa Editrice ilmiolibro.it
Autore Ciro Roselli - Vincenza Angelastri
Anno 2009
 
 
Casa Editrice ilmiolibro.it
Autore Ciro Roselli
Anno 2009
pagine 192
 prezzo € 14,00
STORIA CORSO DI STORIA GENERALE
 
Casa Editrice lulu.com
Autore Ciro Roselli
Anno 2009
Euro 38.11
ISBN 978-1-4092-8686-8   
CORSO DI STORIA GENERALE
 
Casa Editrice lulu.com
Autore Ciro Roselli
Anno 2009
ISBN: 978-1-4092-9354-5
€24.96

DALLA PREISTORIA AL MILLESEICENTO
 
Casa Editrice lulu.com
Autore Ciro Roselli
Anno 2009
prezzo €18.51
ISBN 978-1-4092-8438-3
 

MILLESETTECENTO E MILLEOTTOCENTO
 
Casa Editrice LULU.COM Autore Ciro Roselli
Anno 2009
 
ISBN    978-1-4092-9596-9

MILLESETTECENTO E MILLEOTTOCENTO
CORSO DI STORIA PER GLI ISTITUTI SUPERIORI
Casa Editrice LULU.COM Autore Ciro Roselli
Anno 2009
169 pagine Libro a copertina morbida :  €20.61
ISBN  978-1-4092-8297-6
 
MILLESETTECENTO E MILLEOTTOCENTO
Corso di Storia per gli istituti superiori
Casa Editrice lulu.com Autore Ciro Roselli
Anno 2009
ID: 7060538
IL NOVECENTO
 
Casa Editrice LULU.COM
Autore Ciro Roselli
Anno 2009
pagine 128
ISBN: 978-1-4092-8170-2
175 pagine prezzo € 11,50
 

L'UOMO dalla preistoria al Seicento
 
Casa Editrice Autorinediti
Autore Ciro Roselli
Anno 2009
pagine 249 prezzo €18.51
ISBN 978-88-95300-77-1
 
 
PER LA MEMORIA 1700 - 1800 
 
Casa Editrice AUTORINEDITI
Autore Ciro Roselli - Vincenza Angelastri
Anno 2009
prezzo € 10,00
ISBN   978-88-95300-80-1
 
L'UOMO NEL NOVECENTO
 
Casa Editrice BOOPEN
Autore Ciro Roselli
Anno 2009
Euro 10.00

                            RECENSIONE  DEL LIBRO  "150 LA NOSTRA UNITA' D'ITALIA       I.I.S.S.  DENORA     ALTAMURA 
 
 
 
 
 

 

LA COSTITUZIONE

SOMMARIO

 

 

Parte I                                                                                                           

 

La definizione di Costituzione.                                                                    

Le Origini Del Costituzionalismo Europeo.                                                 

 

I .1.   La definizione di Costituzione.                                                pag.                  2

 

I.2   L’evoluzione del Costituzionalismo Europeo.                                        pag.                  2

 

I.3    Il Liberalismo: caratteri generali.                                                           pag.                  3

 

I.4     L’idea Democratica: caratteri generali.                                                 pag.                  4

 

I.5     L’idea Socialista: breve rinvio.                                                             pag.                  5

 

Parte II

 

Il Costituzionalismo Europeo:

dalla Magna Charta alle Costituzioni Liberali.                                             

 

II.1.     La Magna Charta Libertatum.                                                                        pag.                  6

 

II.2.     Le Costituzioni Francesi : dalla Rivoluzione all’età Napoleonica.     pag.                  6

 

II.3   Le Costituzioni nell’età della Restaurazione.                                        pag.                  8

 

II.4. L’evoluzione storica degli Stati Europei.                                              pag.                  11

 

Parte III    

 

Lo Statuto Albertino:

Caratteri e confronto con la Costituzione del 1948.                                    

 

III.1. Lo Statuto Albertino.                                                                           pag.                  13

 

III.2. Confronto fra lo Statuto Albertino e   la Costituzione Italiana.                       pag.                  14

 

Parte IV

 

La Crisi dello Stato Liberale e l’avvento del Regime Fascista.                               

 

IV.1. Il Passaggio dal regime liberale al regime fascista.                              pag.                  19

 

IV.2.   Breve cronologia degli eventi interni ed internazionali.                     pag.                  22

 

Parte V

 

L’assemblea Costituente: vicende Storiche    e dibattito sulla Costituzione.                      

 

V.1.   I risultati delle elezioni del 2 giugno 1946.                                          pag.                  24

 

V.2.   I lavori della Costituente.                                                                    

         Il ruolo dei partiti politici nel progetto costituzionale                         pag.                  26

 

V.3. Le matrici ideali della Costituzione italiana                                          pag.                  29

 

Parte VI

 

Dalla Costituzione Italiana alla tutela internazionale dei diritti.                              

 

VI.1.   I diritti sociali e   le loro prospettive di attuazione.                             pag.                  31

 

VI.2.   La Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo.                           pag.                  34

 

VI.3. I Diritti Universali attraverso le Dichiarazioni.                                                pag.                  36

 

Parte VII

 

Il dibattito sulla riforma della Costituzione Italiana.                                                           

Dal confronto fra le forme di Governo ai Progetti.

 

VII.1. Le Forme di Governo: Definizione e confronto.                                pag.                  41        

VII.2.   La Proposta di Riforma della Commissione Bozzi.                          pag.                  44

VII.3.   I termini   del dibattito sulle   Riforme Costituzionali.                                   pag.                  46                    

VII.4.   La riforma delle Istituzioni e il Ruolo della Commissione Bicamerale.                    49

VII.5. Un progetto di modifica della forma di governo: il presidenzialismo alternante.     51

 

Conclusione                                                                                                   pag.                  53

 

Appendice

Schema della Costituzione italiana                                                    pag.                  54

 

Bibliografia                                                                                                    pag.                  63

 

                                                          

 


PARTE I

 

LA DEFINIZIONE DI COSTITUZIONE E LE ORIGINI DEL COSTITUZIONALISMO EUROPEO.

 

I .1   LA DEFINIZIONE DI COSTITUZIONE.

 

Si possono individuare due modi di concepire la Costituzione: il primo è l’aspetto descrittivo e il secondo si può definire l’aspetto normativo.

L’aspetto descrittivo sta ad indicare   l’assetto politico di uno stato, quindi ogni stato in questo senso   ha una costituzione ed è in questa accezione che il termine costituzione veniva utilizzato dagli antichi, come possiamo ad esempio constatare negli scritti di Aristotele.

Sotto l’aspetto normativo invece hanno una costituzione solo quegli stati che dove sono   garantiti due elementi fondamentali: la separazione dei poteri e la garanzia dei diritti: in questo senso si esprime   l’articolo 16 della Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino del 1789.

La tutela dei diritti passa quindi necessariamente attraverso la limitazione dei poteri dello Stato; è questo uno degli elementi essenziali che segnano il passaggio dallo stato assoluto (absolutus, cioè sciolto da vincoli) allo stato liberale in cui viene realizzata la limitazione dei poteri dello stato e affermata la tutela formale dei diritti .

I diritti fondamentali contemplati nell’evoluzione della Costituzione sono stati i seguenti: i diritti civili, quelli politici e quelli sociali.

I diritti civili contemplano una libertà in senso negativo perché è una libertà nei confronti dello stato e viene definita libertà dall’ingerenza dello stesso.

I diritti politici invece prevedono una libertà in senso positivo, cioè la possibilità per i cittadini di   dare una legge a se stessi e possono essere   definiti come libertà di.

I diritti sociali invece sono stati rivendicati in epoca più tarda con il mutamento della società e con l’avvento degli stati democratici e si possono definire come diritti di libertà per mezzo dello stato.

 

 

I.2   L’EVOLUZIONE DEL COSTITUZIONALISMO EUROPEO.

 

Il costituzionalismo europeo ha subito un’evoluzione che è in modo estremamente schematico riconducibile essenzialmente a quattro fasi: la Rivoluzione francese; l’età della Restaurazione fino al 1848; il periodo successivo alla prima guerra mondiale; il secondo dopoguerra.

 

La Rivoluzione francese contribuisce all’affermazione in altri stati europei di Costituzioni repubblicane: in questo periodo   l’Europa   è “coperta” di carte costituzionali.

Si possono citare in Italia   la costituzione della Repubblica Cispadana del 1797, di quella Ligure del 1797, della Repubblica Romana del 1798 e Napoletana del 1799.

 

Il secondo momento è il periodo costituzionale per eccellenza: si affermano in Europa le monarchie costituzionali, in cui prevalgono le costituzioni “concesse” dai sovrani e si assiste all’avvento dei grandi stati liberali.

 

Durante gli anni che seguono la fine della prima guerra mondiale si assiste all’affermazione di un costituzionalismo in cui    si persegue l’obiettivo di   regolare   il rapporto fra parlamento e governo   rafforzando l’organo detentore del potere legislativo in quanto eletto a suffragio universale.

Il sistema parlamentare trova quindi una precisa disciplina giuridica attraverso un procedimento   definito di razionalizzazione del potere.

Ricordiamo tra le Costituzioni più importanti quella della Repubblica Tedesca del ‘19, quella Austriaca del ‘20 e quella della Polonia del ‘21.

Tale nuovo assetto costituzionale comporta però un parlamentarismo molto instabile per l’eccessiva frequenza delle crisi di governo e soprattutto per le difficoltà interne e internazionali   seguite alla fine della   prima guerra mondiale.

Nella quarta fase,   sviluppatasi nel secondo dopoguerra, dopo l’esperienza dei regimi autoritari nazionalsocialista e fascista, si prospetta    la necessità di dare all’Europa un nuovo assetto politico e costituzionale che consenta di non ricadere nei rischi insiti nelle costituzioni degli stati liberali e che renda possibile la tutela in senso non solo formale dei diritti dei cittadini, che caratterizza gli stati democratici moderni.

 

Il movimento costituzionale è il risultato del confronto fra   diverse ideologie che si sono sviluppate nel corso della storia.

Fondamentalmente sono tre e sono: l’idea liberale, l’idea democratica e socialista.

In questi movimenti di pensiero possiamo individuare principi che costituiscono il punto di partenza di un’evoluzione costituzionale europea che, iniziata più di due secoli fa, ancora continua a dover interpretare   nuovi contesti sociali, culturali ed economici.

 

 

I.3    IL LIBERALISMO: CARATTERI GENERALI.

 

Per quanto riguarda l’idea liberale possiamo dire che l’aspetto fondamentale è dato dal fatto che l’individuo ha un valore assoluto,   è indipendente dallo stato e dalla società di cui fa parte e non deve da questa subire alcuna limitazione alla propria libertà.

Quindi, rifacendosi alla tesi contrattualistica, lo stato risulta il prodotto di un libero accordo tra gli individui che ne fanno parte e che volontariamente scelgono di limitare la propria libertà per il raggiungimento di un bene comune.

Si può di re che il liberalismo nasce a seguito di una crisi gerarchica e autoritaria della società del periodo feudale ma trova   la sua massima affermazione durante il ‘700, quindi durante il periodo illuminista; fra i fondatori del liberalismo possiamo citare il filosofo inglese John Locke.

Una prima affermazione del liberalismo si verifica durante le guerre di religione, con l’affermazione del principio della libertà religiosa ovvero della libertà di credere secondo coscienza e non secondo imposizione.

In tema di libertà religiosa viene affermato il principio fondamentale della   tolleranza, cioè che nessuno debba essere perseguitato a causa del proprio credo e di conseguenza il diritto a professare   la propria fede in assoluta libertà.

Successivamente il liberalismo si sviluppa come scuola di pensiero   economico nel corso del ‘700 quindi nel corso dell’Illuminismo.

Innanzi tutto si afferma che l’individuo   debba essere affrancato dai vincoli alla disposizione e alla circolazione dei beni di origine feudale.

Al rifiuto di tali   questi vincoli si aggiunge poi l’esigenza di eliminare i vincoli derivanti dall’esercizio del potere assoluto da parte del sovrano, e quindi i vincoli derivanti dal protezionismo statale e dal mercantilismo.

Inoltre l’individuo, secondo il liberalismo economico, deve svolgere la propria iniziativa nel campo dell’economia secondo le proprie capacità ed il proprio talento e quindi seguendo il proprio interesse individuale sino ad arrivare al limite di non interferire con l’interesse altrui.

Nel   liberalismo economico troviamo un altro principio rilevante cioè il principio   di libera concorrenza, cioè di   lotta disciplinata dal diritto come metodo di convivenza e pungolo del progresso sociale.

Infine il liberalismo si afferma come liberalismo politico, che assume come modello l’assetto costituzionale inglese.

Lo stato liberale   ha un fine ben preciso: tale fine può essere facilmente definito in senso “negativo” più che positivo: secondo il liberalismo è compito dello Stato non frapporre vincoli che impediscano all’individuo di migliorare moralmente e di diventare più saggio, più felice e via di seguito, secondo le proprie capacità ed il proprio talento.

In questo senso lo stato liberale si contrappone con forza allo stato assoluto: è infatti   uno stato limitato, a differenza dello stato assoluto in cui si verifica che una sola persona, un solo organo, detiene il potere.

Attraverso i limiti posti al potere dello Stato si tende ad eliminare il più possibile gli abusi del potere, e a   garantire la libertà del cittadino; inoltre   lo stato è inteso come arbitro nella gara degli interessi e quindi non deve essere il promotore degli interessi comuni di tutti gli individui.

I limiti posti al potere statale consistono essenzialmente nel fatto che si creano due istituzioni di tipo organizzativo: sono essenzialmente il fatto di riconoscere l’esistenza dei diritti naturali per ciascun individuo che sono anteriori alla nascita dello stato, sono inalienabili, non possono essere violati   dallo stato stesso, anzi lo stato deve garantire l’esercizio libero di questi diritti; a tale proposito   infatti si parla di dottrina del diritto naturale.

La seconda istituzione   invece è data da un’organizzazione delle funzioni principali dello stato in modo che esse non vengano esercitate da un’unica persona o da un’unico organo, ma da più organi e da più persone e quindi si parla di dottrina di separazione e di equilibrio dei poteri; è proprio su questi fondamenti che si riesce a creare uno stato limitato quale   è appunto lo stato liberale.

 

 

I.4     L’IDEA DEMOCRATICA: CARATTERI GENERALI.

 

Per prima cosa bisogna premettere una cosa importante e cioè che liberalismo e democrazia sono facili da confondere, per il fatto che entrambi sono stati movimenti volti a contrastare lo stato assoluto; queste correnti di pensiero hanno   in realtà   principi fondamentalmente diversi.

Premesso questo si può dire che la democrazia ha come principio ispiratore l’idea di eguaglianza: da questo deriva quindi direttamente che il governo dello Stato non può essere affidato ad una persona sola e neanche a poche persone ma a tutti i cittadini.

In questo senso si parla quindi di sovranità popolare,   cioè il potere di dettar leggi e di farle applicare risiede in tutti i cittadini, in tutto il popolo, e ovviamente questo può essere attuabile solamente in un contesto relativamente piccolo;    il popolo può quindi   decidere di trasmettere questo potere, o meglio l’esercizio di questo potere, ai   suoi rappresentanti tramite libere elezioni.

Se nel liberalismo sono stati garantiti soprattutto i diritti civili, quindi le   libertà   di stampa, di associazione, di pensiero,   che affermavano essenzialmente la tutela   delle libertà personali, direttamente dal principio di sovranità popolare, nella democrazia   discende la difesa   dei diritti politici, quindi il diritto di partecipare in modo diretto o indiretto al governo della cosa pubblica.

Si può inoltre affermare che uno stato viene detto più democratico quante più categorie di cittadini possono intervenire: lo strumento adottato è quindi il suffragio universale cioè ogni cittadino può esercitare il diritto di voto   senza differenze di sesso, di censo o di ideologia, con l’unico limite dell’età.

Strettamente connessi all’attribuzione dei diritti politici   sono altri due istituti che caratterizzano lo stato democratico: essi   sono il sistema elettivo, che contribuisce alla formazione di uno Stato fondato sul consenso, e il sistema maggioritario, secondo il quale   qualunque delibera in un’assemblea deve essere presa a maggioranza; questo principio dovrebbe concorrere al raggiungimento del bene comune.

Da tale principio inoltre si può procedere alla   formazione del cosiddetto governo di maggioranza.

 

E’ su questi principi che sono sorti i governi nei paesi dell’Europa occidentale, in cui è prevalso il modello della democrazia rappresentativa e maggioritaria.

 

 

I.5     L’IDEA SOCIALISTA: BREVE RINVIO.

 

Piuttosto complesso sarebbe un riferimento puntuale ai principi e ai valori del pensiero socialista.

Un principio fondamentale che trova affermazione nella nostra costituzione è l’esigenza che lo Stato si faccia carico dell’equità nella distribuzione delle risorse primarie: da tale esigenza discende la previsione di un ruolo attivo e interventista dell’apparato statale, che consenta a garantire in senso non formale, ma sostanziale l’uguaglianza fra i cittadini.

 

All’idea socialista si ispira senza alcun dubbio l’esigenza di garantire la massima giustizia sociale, l’esigenza di limitare l’espressione individualistica, di tutelare i contesti associativi (in tal senso è doveroso un rinvio al solidarismo di ispirazione cattolica) e di riconoscere l’assoluta imprescindibilità di un assetto economico in cui all’iniziativa del singolo si associa, limitandola e indirizzandola, un ruolo fortemente interventista dello Stato in economia.

 

A tali principi si ispirano le scelte dei nostri costituenti, come verrà sottolineato negli interventi che seguono, relativamente ad una normativa che riservi allo Stato la gestione delle fonti energetiche, la programmazione economica e limiti il riconoscimento della proprietà privata.

 

All’idea socialista si ispirano inoltre la affermazioni costituzionali di forte tutela del lavoro subordinato e il riconoscimento del diritto di sciopero come diritto costituzionale.


PARTE II

 

IL COSTITUZIONALISMO EUROPEO: DALLA MAGNA CHARTA ALLE COSTITUZIONI LIBERALI.

 

In questa sezione si andranno ad esaminare quali siano stati i caratteri essenziali dell’evoluzione del costituzionalismo europeo esaminando brevemente i principi affermati dalla Magna Charta e dalle Costituzioni rivoluzionarie e poi della Restaurazione.

 

 

II.1     LA MAGNA CHARTA LIBERTATUM.

 

La Magna Charta   è stata concessa da Enrico III nel 1215.

E’ un testo importantissimo per la civiltà occidentale appunto perché segna il punto di inizio della conquista di alcune libertà personali.

Come tutti sanno il cammino verso la conquista delle libertà personali è un cammino abbastanza lungo e la Magna Charta libertatum è un punto di partenza.

La carta di libertà è appunto un accordo fra il re e i suoi baroni, quindi ancora una Costituzione concessa e, come viene definita all’interno del testo originale, si parla di donazione di libertà.

E’ però, come già detto prima, un   documento di grande importanza per le civiltà occidentali, appunto perché   inizia a delineare alcune libertà fondamentali come ad esempio la libertà personale, la giustizia e la certezza del   diritto.

Infatti   si definiscono le libertà personali, la giustizia e la tutela dei diritti   principi fondamentali inalienabili e che quindi non possono essere sottratti a ciascun individuo.

Ancora si parla di proporzionalità della pena, ma tale proporzionalità è posta in relazione con la gravità del delitto commesso.

All’interno di questo principio vi sono però ancora dei limiti: si stabilisce infatti   che i conti e i baroni dovranno essere giudicati solamente da loro pari; possiamo quindi vedere che ci sono delle differenziazioni, determinate dall’appartenenza alle classi sociali più elevate.

Un altro elemento di profonda innovazione è l’affermazione dell’impossibilità di confisca dei beni   per debiti a meno che non ne sia diventato impossibile il pagamento.

Viene inoltre riconosciuta nella Magna Charta libertatum la libertà religiosa stabilendo che la Chiesa non sarà sottoposta al   volere dello stato, quindi al volere del re, ma sarà   indipendente dalla politica e dall’amministrazione dello Stato.

E’ comunque necessario sottolineare che la Magna Charta libertatum è una donazione di libertà, quindi non è il popolo che ha votato questa Costituzione,   ma si tratta di   una donazione del re, una concessione derivante da un accordo tra il re e i suoi baroni.

 

 

II.2       LE COSTITUZIONI FRANCESI   DALLA RIVOLUZIONE ALL’ETÀ NAPOLEONICA.

 

I principi affermati nella Magna Charta trovano completa applicazione nella prima dichiarazione di indipendenza delle colonie americane e poi appunto nelle Costituzioni francesi entrate in vigore a seguito della rivoluzione francese.

Per quanto riguarda la Costituzione del 3 settembre del 1791 bisogna dire innanzitutto che era di stampo borghese e moderata.

La prima immediata conseguenza dell’approvazione di questa carta costituzionale è stata   l’abolizione del sistema feudale che   vincolava molti contadini al feudatario e quindi impediva fortemente l’affermazione delle libertà degli stessi.

Vediamo che per quanto riguarda il clero vi furono dei cambiamenti fondamentali in quanto la Costituzione abrogò i privilegi prima spettanti agli ecclesiastici e decretò la confisca dei beni del clero a favore del bilancio dello stato, stabilì l’elezione del clero da parte del popolo e prevedendo il mantenimento dei sacerdoti ancora a carico dello Stato.

Con tale costituzione si ebbe l’instaurazione di una monarchia costituzionale con diritto di veto sospensivo da parte del re e vi fu una vera e propria divisione   dei poteri in quanto il potere esecutivo rimaneva al re, però vi era un’assemblea elettiva che deteneva innanzitutto il potere legislativo, ma deliberava anche sullo stato di guerra.

Per quanto riguarda le riforme amministrative vediamo che vi fu un decentramento dei poteri ma, soprattutto una divisione dello Stato in dipartimenti e comuni   per migliorare la ripartizione delle funzioni amministrative.

Si stabilì l’eleggibilità dei sindaci e dei consigli da parte del   popolo; le elezioni erano però di tipo censitario perché i cittadini erano suddivisi in tre categorie: gli eleggibili, che potevano   venire eletti ed avevano anche l’elettorato attivo, gli elettori attivi che potevano votare perché possedevano un reddito e gli esclusi, che, non avendo nessun reddito, non avevano diritto di voto.

 

Le corti determinano le spese della pubblica amministrazione e quindi in generale approvano i regolamenti per il buon governo e   per la salubrità del regno.

Per quanto riguarda il re viene detto nell’art.168 che egli è una persona sacra, inviolabile e non è soggetta a sindacabilità. Il re ha la prerogativa di stanziare le leggi e di promulgarle,   però è soggetto a   limiti, in quanto agisce solo grazie al   consenso delle corti e   non può per esempio alienare, cedere, rinunziare o trasferire la sua autorità reale in nessuna circostanza;   non può inoltre fare lega offensiva né   trattato speciale di commercio con gli stati   stranieri; deve quindi avere il consenso delle corti in ogni circostanza.  

 

Per quanto riguarda la seconda Costituzione che è quella del 24 giugno del ‘93, bisogna premettere che,   quasi un anno prima, il 21 settembre del ‘92, si verifica l’abolizione della monarchia, riconosciuta invece   nella prima Costituzione.

La nuova costituzione non è più   borghese e moderata ma democratica e popolare e consegue alla nascita della prima repubblica francese, ma non troverà mai attuazione negli anni successivi.

Da un suffragio censitario si passa ad un suffragio universale. Viene introdotto il controllo del Parlamento sul Governo, mentre prima questo controllo era   affidato al re.

 

La costituzione dell'anno ottavo risale al 13 dicembre del 1799. E' molto importante perché legalizzò il colpo di stato del 18 Brumaio, che portò   alla formazione di un consolato dotato di pieni poteri, composto da Napoleone, Sieyès e Ducos,   con Napoleone Bonaparte come primo console.

Il nuovo assetto istituzionale prevedeva un forte accentramento del potere e il rafforzamento dell'esecutivo, che era affidato appunto al primo console, in questo caso a Napoleone.

Vediamo anche che i prefetti, facenti parte dell’esecutivo,   nominavano i sindaci e quindi non era più il popolo direttamente, ma il Governo stesso a controllare quanto avveniva negli organi locali. Le nuove normative costituzionali tutelavano   profondamente i borghesi e per raggiungere tale obiettivo si introdussero numerose norme in materia economica e soprattutto si deliberò un accentramento del sistema fiscale.

 

 

II.3   LE COSTITUZIONI NELL’ETA’ DELLA RESTAURAZIONE.

 

La Restaurazione è un periodo, il cui inizio viene fatto risalire al 1815, anno della sconfitta di Napoleone nella battaglia di Waterloo.

La Restaurazione, come dice la parola stessa, è un periodo di ricostruzione del vecchio ordine europeo infranto dall'ondata rivoluzionaria della Rivoluzione francese e anche dalle armate napoleoniche che avevano sconvolto l'assetto preesistente.

Vi è il tentativo da parte dell'aristocrazia e da parte del clero di ritornare ai vecchi ordinamenti pre-rivoluzionari e nei modi di governo dell'ancien regime.

Tutto questo è in ogni caso irrealizzabile perché vi erano avvenuti ormai troppi mutamenti nella società e nelle istituzioni.

Le ideologie rivoluzionarie avevano portato la popolazione a capire, a comprendere questi nuovi ideali, queste nuove idee, fondate sul riconoscimento di diritti inalienabili.

Quindi la   Restaurazione nei vari stati in cui fu imposta assunse forme diverse.

Per quanto riguarda le vicende spagnole,   il re Ferdinando VII si affrettò ad abrogare la Costituzione di Cadice del 1812, ma la situazione   divenne insostenibile, in quanto il monarca tentò di governare in modo assolutistico sopprimendo quelle ideologie liberali, che ormai erano penetrate all'interno della popolazione.

La situazione infatti precipitò nel 1820 quando la popolazione insorse contro il re e riuscì ad ottenere nuovamente la Costituzione di   Cadice.

 

La costituzione spagnola del 1812  venne elaborata dalle forze liberali anti napoleoniche, ma fu poi soppressa in seguito alla Restaurazione.

Questa Costituzione stabiliva i limiti del sovrano in quanto la sovranità era essenzialmente nella nazione e alla nazione quindi apparteneva il diritto di stabilire le leggi fondamentali, come esplicitato nell'articolo 3.

L'articolo 2 affermava quindi che la nazione spagnola era libera ed indipendente e che non avrebbe   mai potuto essere patrimonio di nessuna famiglia e di nessuna persona.

Relativamente alla religione, l'articolo 12 stabiliva che la sola religione era quella cattolica apostolica romana.

La nazione l’avrebbe   protetta con le leggi savie e giuste e vietava l'esercizio di ogni altra religione. Secondo l’articolo 13 il Governo aveva come unico scopo la garanzia della felicità della nazione. Inoltre la potestà di fare le leggi stava nelle corti congiuntamente al re.

Le corti quindi insieme al re approvavano le leggi,   le interpretavano ed erogavano.

Nell'articolo 131 venivano specificati i compiti delle corti.

 

Per quanto riguarda   la situazione francese, che era stata profondamente modificata dalla Rivoluzione francese prima,   dall'intervento di Napoleone in seguito, il nuovo sovrano, Luigi XVIII,   nel giugno del 1814, promulgò una nuova Costituzione con un indirizzo ampiamente liberale.

La situazione francese mutò ancora nel 1830 con la Rivoluzione del 27, 28 e 29 luglio.

Il re   Carlo X fu costretto a lasciare Parigi e il 9 agosto Luigi Filippo divenne re della nazione.

Fu varata   una nuova Costituzione che ricalcava le forme della carta del '14 ma, con alcune modifiche.

 

La carta costituzionale francese del 14/08/1830   era stata promulgata dal parlamento dopo le tre giornate parigine che avevano visto la vittoria dei liberal-moderati contro l’esercito regio e il re Carlo X,   che con un vero e proprio colpo di stato aveva   emanato le quattro ordinanze che toglievano le libertà ai francesi, sospendendo   la libertà di stampa, modificando   il sistema elettorale a vantaggio dell’aristocrazia terriera, sciogliendo   il parlamento e indicendo   nuove elezioni.

I principi fondamentali di questa carta costituzionale sono:

il ripristino dei diritti fondamentali per i francesi, come   la libertà di stampa,   la libertà di riunione, ecc.;

il potere esecutivo è affidato solamente al re, il potere legislativo è attribuito congiuntamente al re e a tutte e due le camere e il potere giudiziario spetta invece alla Camera dei Pari per i delitti di alto tradimento e per   attentato alla sicurezza pubblica.

La Camera dei Pari è convocata dal re e dalla Camera dei Deputati   mentre i Pari vengono nominati soltanto dal re.

I deputati vengono eletti dai collegi elettorali e i presidenti   dei collegi elettorali sono nominati dagli elettori.

I ministri invece possono far parte sia della Camera dei Pari che della Camera dei Deputati e possono scegliere secondo quello che preferiscono.

Per il potere giurisdizionale bisogna dire che la giustizia è emanata soltanto dal re che ha anche il diritto di concedere la grazia e di commutare la pena.

Ci sono però anche alcuni privilegi che vengono riconosciuti ai militari che possono conservare gli onori,   i gradi e le pensioni quando finiscono il loro servizio per lo Stato.

Viene inoltre prevista la ricostituzione dei titoli nobiliari per coloro che li avevano già prima dell’entrata in vigore della costituzione; si introducono inoltre leggi particolari per le colonie che facevano parte della Francia.

Questa carta ritorna ad essere una costituzione borghese moderata come la prima.

Un elemento importante   è il riconoscimento   dell'uguaglianza giuridica: infatti nella dichiarazione dei diritti, che fa da premessa a questa Costituzione,   all'art.3 si dice che la legge è uguale per tutti.

 

Si può constatare la divisione dei poteri e il   rinnovo   annuale delle Camere per consentire una più equa democrazia.

Abbiamo, infatti, due camere con potere legislativo: il Consiglio dei 500 e il Consiglio degli anziani. Il potere esecutivo è detenuto da un Direttorio di 5 membri , in cui   ogni anno un membro viene cambiato.

Il decentramento amministrativo viene potenziato.

Si prevedono   nuovamente   elezioni censitarie: infatti il diritto di voto era consentito solamente ai maggiorenni, a coloro che possedevano un reddito e che quindi pagavano l'imposta sul reddito e, secondo quanto stabilito in un emendamento successivo, sapessero   leggere e scrivere.

Il ritorno a questo sistema elettorale censitario sanziona la vittoria della borghesia moderata che diffidava del suffragio universale e anche del popolo sostenendo che il popolo fosse incapace di prendere parte attivamente al governo dello stato.

 


 

        CARTA COSTITUZIONALE FRANCESE DEL 1830

 

·      Diritto pubblico ai francesi

 

·      Forma di governo

 

potere esecutivo spetta al re

 

potere legislativo spetta al re e alle due camere

 

 

potere giudiziario spetta alla camera dei pari

 

 

 

·      Camera dei pari

 

Convocata dal re e dalla camera dei deputati

 

 

pari nominati dal re

 

 

 

·      Camera dei deputati

 

deputati eletti dai collegi elettorali

 

 

Presidenti nominati dagli elettori

 

 

 

·      I ministri possono far parte della camera che preferiscono

 

 

 

·      Ordine giudiziario

 

giustizia emanata dal re

 

 

il re concede la grazia

 

 

 

·      Privilegi

 

diritti particolari per i militari

 

 

Ricostituzione titoli nobiliari

 

 

leggi particolari per le colonie

 

 

 

II.4. L’EVOLUZIONE STORICA DEGLI STATI EUROPEI.

 

Se ci si pone l’obiettivo di ricercare il filo conduttore dell’evoluzione costituzionale europea, se prescindiamo dalla Magna Charta, che pure è stata analizzata e che rappresenta però un’eccezione sia come tempo sia come percorso nei vari processi di attuazione costituzionale, possiamo constatare che   l’Europa pre illuministica che è caratterizzata dalle monarchie assolute, che in genere vengono individuate con il termine di Ancien   Regime.

 

La monarchia assoluta è una forma di governo che non rappresenta una grossa rottura con il feudalesimo e quindi con il Medioevo , è una forma di stato nel   quale il potere è riferito alla divinità, il re governa direttamente in nome di Dio in molti casi   addirittura con l’esclusione della mediazione del   clero.

Si tratta quindi di una forma di Stato in cui il potere è concentrato nelle mani del Re, che, sciolto da ogni vincolo (absolutus), è egli stesso lo Stato e cala dall’alto le sue scelte sul resto della società.

Non esistono cittadini, esistono dei sudditi, esiste cioè tutta una categoria di persone che, da coloro che hanno privilegi fino ai servi della gleba, devono sottostare a questa imposizione del potere divino, cioè   ci troviamo   nell’Europa pre illuministica in una situazione di grande importanza dello Stato, di grande forza del potere centrale e di un potere statale che, venendo direttamente da Dio, è ovviamente indiscutibile.

 

A seguito di numerosi processi storici, sociali ed economici, in Europa e soprattutto in Francia   si sviluppano e poi si affermano le teorie illuministiche.

Le teorie illuministiche rappresentano in maniera consistente la borghesia dalla quale emerge un pensiero economico, da alcune istanze dell’illuminismo direttamente derivato, che è il pensiero liberista.

E’ la concezione del cosiddetto Stato negativo, cioè che garantisce delle libertà   dallo Stato stesso. Con l’Illuminismo e con l’opposizione a volte anche violenta,   come accade   durante la   Rivoluzione francese con il Terrore, si verifica una contrapposizione alla filosofia dell’ancien regime e ha inizio   un processo   plurisecolare, perché alcune istanze dell’Illuminismo si possono ritenere tuttora inattuate, che porterà all’avvento degli stati democratici.

 

Si tratta di un cammino che ha delle grosse fughe in avanti:   alcune costituzioni infatti comportano la conquista del potere da parte del suddito, che diventa cittadino, a cui seguono momenti (si pensi al Consolato di Napoleone o alla stessa Restaurazione) che rappresentano delle interruzioni o addirittura dei passi indietro verso questo processo.

 

E’   comunque necessario mettere in evidenza proprio il fatto che le concezioni illuministiche, che sostengono lo Stato di diritto in fusione con il liberismo economico, rappresentano movimenti di pensiero che, proprio anche per il periodo storico nel quale si affermano, si oppongono all’ancien regime, che godrà di un momento di rinascita con   la restaurazione del 1815.

 

 

In questo periodo si affermano studi giuridici che mirano soprattutto a stabilire quali sono, quali debbano essere le libertà del cittadino, quelle che con termine moderno chiameremmo libertà formali, rispetto all’apparato statale che nell’ancien regime era totalizzante   e che durante il consolato di Napoleone poi con   il Congresso di Vienna nel 1815 rischia di riproporsi come tale.

E’ certamente vero che l’Illuminismo pone le basi per l’avvento dello Stato democratico e si traduce in liberismo economico, è certamente vero che il   liberismo economico   è perseguito   per portare a termine la seconda rivoluzione industriale.

 

Il   liberismo economico fa propria una filosofia delle libertà che postula una serie di libertà del cittadino dallo Stato e quindi mira a dimensionare e a definire rigidamente i poteri dello Stato proprio perché l’avversario storico del momento è l’ancien regime, cioè uno Stato totalizzante.

 

 Quando invece subentrerà la seconda rivoluzione industriale, quando la borghesia sarà una classe per sé di fatto affermata in tutta Europa, a causa anche di   motivi strutturali, quali le crisi cicliche, la ricerca della definizione del cittadino subirà notevoli cambiamenti.

 

Lo Stato da tale momento storico non è più ridimensionato per garantire le libertà individuali, come avveniva in reazione all’Ancien Regime ma, subentrerà   uno Stato che, anche in conseguenza di situazioni economiche ben determinate,   riacquista in senso democratico parte di quei poteri e   il cui ruolo viene definito in senso   positivo, cioè lo Stato   garantisce a tutti i cittadini una serie di diritti fondamentali, perseguendo tali obiettivi attraverso un intervento mirato nella società e nel sistema economico.

 

 

 


PARTE III    

 

LO STATUTO ALBERTINO: CARATTERI E CONFRONTO CON LA COSTITUZIONE DEL 1948.

 

 

III.1. LO STATUTO ALBERTINO.

 

Lo Statuto Albertino è stata la prima carta costituzionale dell’Italia unita, restando in vigore, anche se solo formalmente, durante gli anni della dittatura fascista ed è venuto meno solo all’atto della rifondazione dello Stato italiano dopo le vicende che hanno caratterizzato la fine della seconda guerra mondiale e la Resistenza al regime fascista.

Lo Statuto Albertino era stato emanato da re Carlo Alberto il 4 marzo 1848, per far fronte ai moti insurrezionali che dal resto d’Europa si erano diffusi anche nel Regno di Sardegna.

Era quindi una costituzione concessa dall’alto, senza alcuna consultazione democratica.

Lo stesso termine di statuto fu preferito a costituzione, per ribadire il fatto che era il re a limitare i propri poteri, anche se in qualche modo vi era costretto dalle pressioni popolari.

Nel 1861 lo Statuto viene semplicemente esteso al resto del Regno d’Italia.

Le caratteristiche di questa carta, oltre al fatto di essere una costituzione concessa e non votata possono essere inoltre indicate nella sua flessibilità, cioè nel fatto di essere modificabile con legge ordinaria, (altrettanto non avverrà con la Costituzione italiana del 1948, che è rigida, cioè modificabile con procedimento aggravato) e di essere, relativamente, breve , cioè di indicare in modo molto sintetico e piuttosto generico sia le normativa che regola i rapporti fra Stato e cittadini, sia quella relativa all’ordinamento dello Stato.

 

Nonostante le carenze dello Statuto, il regime che si instaurò nel Regno d’Italia fu di tipo liberale e parlamentare; anche se non era espressamente previsto dalla normativa statutaria, i poteri del Parlamento andarono via via ampliandosi a danno di quelli della corona.

Si può quindi sostenere che, a partire dal 1882 si avviò nel Paese un notevole processo di democratizzazione, che ebbe il suo culmine in epoca giolittiana, nel 1919,   nell’estensione del diritto di voto a tutti i cittadini di sesso maschile con almeno ventun anni di età.

Sempre nel 1919 venne abbandonato il sistema elettorale maggioritario e adottato il sistema proporzionale: a seguito di questa duplice riforma la stessa composizione del Parlamento mutò in modo radicale, perché la maggioranza dei deputati non apparteneva più all’area liberale, ma all’area socialista e all’area cattolica.

 

Se durante questo periodo la flessibilità dello Statuto albertino favorì notevolmente il processo di democratizzazione, negli anni che seguiranno   il 1922, avrà inizio una fase di progressivo abbattimento delle garanzie costituzionali, in quanto il regime fascista, modificando con la normativa ordinaria il dettato costituzionale, instaurerà un regime dittatoriale, mantenendo formalmente in vigore lo Statuto albertino, ma eliminando la tutela delle libertà e delle garanzie che gradualmente si erano affermate nell’epoca precedente.

 


 

III.2. CONFRONTO FRA LO STATUTO ALBERTINO E   LA COSTITUZIONE ITALIANA.

 

Lo Statuto Albertino è una carta concessa dal sovrano al popolo mentre per quanto riguarda la costituzione italiana sappiamo che è stato frutto del lavoro dell’Assemblea Costituente democratica.

In particolare lo Statuto Albertino è stato concesso nel 1848 e le sue norme sono ispirate a quelle contenute nella costituzione francese del ‘30 e in quella belga del ‘31.

Ci sembra di estremo interesse evidenziare quali sono alcune delle differenze esistenti fra le due carte, perché riteniamo che per meglio comprendere alcune scelte dei Costituenti sia necessario risalire alle carenze e alla genericità di alcune norme statutarie,   perché questo ha reso più semplice la trasformazione in forma quasi “legale”   dello stato liberale in regime fascista.

 

Tra le principali differenze riscontrabili vi è la diversa lunghezza dei due testi, in quanto nella costituzione italiana sono presenti   ben 139 articoli mentre nello Statuto solamente 84; tale   diversità sta ad indicare l’intenzione dei Costituenti di trattare in modo approfondito e analitico tutta la materia relativa sia ai rapporti fra Stato e cittadini, sia quella relativa all’assetto dello Stato.

 

Il contenuto dello Statuto albertino è analizzabile dividendo il suo testo   in tre settori principali:

 

1)   diritti e doveri;

 

2) questione religiosa;

 

3)   l’ordinamento dello Stato.

 

- DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI.

 

Dal confronto fra i diritti e doveri del cittadino per come vengono esposti nello Statuto Albertino e nella Costituzione risulta che   nello Statuto a tale settore sono riservati pochi articoli, mentre nella Costituzione tali temi sono rintracciabili sia nei Principi fondamentali, sia nella Sezione denominata Diritti e Doveri dei cittadini; nello Statuto il primo articolo che riguarda i diritti e doveri dei cittadini è il 24° e afferma il diritto di uguaglianza,   riconosciuta ai regnicoli (non si parla nemmeno di cittadini), riconoscendo loro questo diritto in senso sostanziale, secondo i principi ispiratori delle costituzioni liberali.

Lo stesso concetto diritto è affermato   nella costituzione all’articolo 3, quindi in uno dei 12 articoli, in cui sono espressi i principi fondamentali l’uguaglianza è riconosciuta non solo in senso generale, ma attraverso l’indicazione di quali possono essere le possibili cause di discriminazione ed inoltre si introduce un nuovo concetto che è quello dell’intervento dello stato e quindi intervento diretto dello Stato per garantire l’uguaglianza anche in senso sostanziale.

Poi abbiamo altri articoli confrontabili: l’articolo 26 dello Statuto Albertino potrebbe essere correlato   al 13 della Costituzione, trattando entrambi di tutela della   libertà personale: mentre nello Statuto si afferma solamente che la libertà individuale è garantita, nella Costituzione si precisa anche che non sono ammissibili detenzione o ispezione quindi ai danni della libertà personale tranne che nei casi previsti dalla legge, introducendo uno strumento di tutela normativa denominato riserva di legge.

Quindi in questi casi eccezionali esistono norme precise che regolano l’intervento delle autorità, nello stesso tempo si precisa anche che è punita la violenza fisica e morale anche in carcere e che si stabilisce un limite massimo per la detenzione preventiva.

Altri due articoli confrontabili sono l’articolo 14 della Costituzione e il 27 dello Statuto, che riguardano l’inviolabilità del domicilio.

Mentre nello Statuto Albertino si afferma solo questo diritto in senso formale, nella Costituzione si precisa di nuovo che per motivi diversi di sanità, fisco, incolumità si può intervenire solo se apposite normative lo consentono.

Nella Costituzione compaiono due articoli che non hanno un riscontro nello Statuto, quindi affermano principi che lo Statuto non nominava nemmeno, e sono   l’articolo 15, che riguarda la libertà e la segretezza della corrispondenza, e l’articolo 16, che riguarda invece la libertà di circolazione, che non può essere soggetta a restrizioni tranne che per motivi di sanità o sicurezza e nello stesso tempo non ci possono essere limitazioni alla circolazione per cause politiche e quindi ognuno può uscire dalla Repubblica salvo per obblighi di legge.

Infine ultimi due articoli confrontabili sono l’articolo 17 della Costituzione e il 32 dello Statuto che sono simili perché entrambi riguardano la libertà di riunione.

Mentre nello Statuto questa libertà è soggetta comunque a restrizioni perché si afferma che leggi particolari possono regolare le manifestazioni in luogo pubblico e nel caso delle leggi di polizia può essere addirittura vietata la manifestazione, la Costituzione al contrario afferma la piena libertà, quindi appunto libertà di riunione senza armi sia in luogo privato sia in luogo aperto al pubblico, nel qual caso non è necessario un preavviso, mentre nel caso di luogo pubblico viene posta la necessità di dare preavviso alle autorità di pubblica sicurezza; si può sottolineare che si tratta di preavviso e non di autorizzazione preventiva e che tali riunioni possono subire limitazioni solamente in caso di sicurezza e quindi per motivi particolari.

 

 

- LA QUESTIONE RELIGIOSA.

 

Da un confronto fra le due carte emerge che nello Statuto Albertino solo un articolo (l’articolo 1) affronta il problema dei rapporti fra Stato italiano e Chiesa cattolica, mentre la Costituzione dedica alla questione religiosa ben quattro articoli, a cui va aggiunto l’articolo 3 che sancisce l’uguaglianza degli uomini, senza distinzioni derivanti dalla confessione religiosa.

L’articolo 7 e l’articolo 8, che fanno parte dei principi fondamentali disciplinano i rapporti tra lo Stato italiano e la Chiesa cattolica (art. 7) e i rapporti dello stesso con le altre confessioni religiose (art. 8).

L’articolo 1 dello Statuto Albertino definisce la religione Cattolica religione di Stato, stabilendo che gli altri culti vengano solo tollerati dalla Legge; lo Statuto si apre quindi con un   riconoscimento che delinea un modello di Stato confessionale.

 

La Costituzione afferma invece all’articolo 19 la piena e incondizionata libertà per qualunque individuo   di   professare qualsiasi credo, con il solo vincolo del rispetto del buoncostume.

L’articolo 20 esclude qualsiasi forma di limitazione o di aggravi fiscali a carico delle diverse Chiese e ribadisce l’assoluta libertà di culto.

L’articolo 7 afferma con forza il principio dell’indipendenza e della sovranità della Chiesa cattolica e dello Stato italiano; riconoscendo alla Chiesa cattolica la “sovranità” la si pone in un certo senso in una posizione di “vantaggio” rispetto alle altre confessioni religiose.

Sempre nell’articolo 7 si riconosce validità ai Patti Lateranensi (stipulati nel 1929 dal governo fascista) introducendo nei principi fondamentali una profonda anomalia: veniva data validità ad un documento in cui era contenuta una palese violazione dei principi costituzionali: i Patti riconoscevano la religione cattolica come la confessione ufficiale dello Stato italiano, e alla Chiesa venivano riservati numerosi privilegi.

Si cercava di compensare l’anomalia stabilendo che qualsiasi modifica dei Patti, accettata da entrambe le parti, non richiedesse un procedimento di revisione costituzionale; la modifica dei Patti sarebbe poi avvenuta a molti anni di distanza nel 1984.

 

 

- L’ORDINAMENTO DELLO STATO.

 

Lo Statuto Albertino risponde all’esigenza di porre le basi per uno stato liberale e monarchico, mentre la Costituzione istituisce uno stato democratico e repubblicano.

Il potere legislativo nello Statuto è affidato al re congiuntamente al Parlamento.

Anche lo Statuto adotta il modello bicamerale stabilendo che i   senatori vengano nominati a vita dal re, senza limite di numero, mentre si prevede l’eleggibilità dei deputati, stabilendo però forti limitazioni per quanto attiene sia l’elettorato passivo, sia quello attivo (i limiti riguardano l’età e il censo).

 

Nella nostra Costituzione si assume un modello di bicameralismo perfetto, rispettando il principio del suffragio universale per entrambe le Camere; le uniche differenze riguardano i limiti di età per l’esercizio dell’elettorato attivo e passivo (18 e 25 anni per la Camera; 25 e 40 anni per il Senato) e la presenza di un numero limitato di membri non elettivi al Senato (i senatori a vita).

Nello Statuto la proposta di legge viene affidata al re e alle due camere, e al re è riservato il diritto di veto; è riconosciuta ai regnicoli la possibilità di inviare alle camere una proposta di legge attraverso l’istituto della petizione popolare, che, dopo l’invio alle camere e dopo l’esame da parte delle stesse,   se prese in considerazione dovranno essere mandate agli uffici competenti e ai ministri competenti.

 

Nella Costituzione   si ha un'articolazione più ampia dell’istituto dell’iniziativa legislativa: le proposte di legge devono essere inoltrate da 50.000 cittadini elettori oppure dai consigli regionali o da membri del Parlamento o dal Governo o, in materia di economia e lavoro, dal C.N.E.L..

La Costituzione prevede un altro fondamentale strumento di democrazia diretta oltre alla proposta di legge e alla petizione popolare: il referendum, che, entro i limiti sanciti dalla carta costituzionale, può essere richiesto su iniziativa di 500.000 cittadini elettori.

La condizione dei parlamentari si differenzia notevolmente nelle due carte sia per quanto riguarda i limiti posti all’eleggibilità nello Statuto, sia per le differenze esistenti fra i membri delle due Camere.

Secondo lo Statuto i parlamentari non hanno diritto ad una indennità mentre, nella Costituzione l'indennità loro spettante è stabilita per legge.

I membri del parlamento, secondo quanto disposto dallo Statuto Albertino, possono essere messi in stato di accusa dal Senato riunito in alta corte di giustizia (in tal modo la Camera nominata dal re assume un considerevole potere nei confronti della Camera elettiva) mentre, la Costituzione riconosce ai parlamentari la non perseguibilità per le opinioni e i voti espressi e, secondo quanto stabilito dall’articolo 68, riformato nel 1994, la necessità che la camera competente conceda l’autorizzazione nel caso di perquisizioni o intercettazioni telefoniche a carico di un membro del Parlamento, mentre non è richiesta più l’autorizzazione per lo svolgimento di indagini e la sottoposizione a procedimenti penali o per l’arresto in caso di flagranza o per l’esecuzione di una condanna definitiva.

 

Per quanto attiene i rapporti fra Governo e Parlamento, lo Statuto non stabiliva espressamente la necessità di un rapporto di fiducia, ma nel corso degli anni prevalse la prassi di una nomina da parte del re di un Governo che fosse l’espressione della maggioranza parlamentare, nonostante la normativa vigente riconoscesse uno stretto rapporto solo fra il re e l’esecutivo.

L’unico forte potere di controllo che lo Statuto riservava al Parlamento era l’obbligo di sottoporre   qualsiasi   normativa in materia tributaria alla preventiva approvazione della Camera dei Deputati.

Se si intendesse fare un confronto, anche se un po’ forzato fra Re e Presidente della Repubblica, si potrebbe evidenziare l’ereditarietà del trono secondo la legge Salica, la sacralità e inviolabilità della persona del re, sancita dall’articolo 4 dello Statuto, l’appartenenza al re del   potere legislativo, del diritto di nomina dal Governo, del diritto di amministrare la giustizia.

Non si assiste quindi nello Statuto ad   una netta separazione dei poteri e ci si trova quindi in un assetto costituzionale in cui il principio di legittimità non è   del tutto garantito.

Invece il Presidente della Repubblica, al quale è dedicata un'ampia parte nella Costituzione dall’articolo. 83 all’articolo. 91, viene eletto dal Parlamento in seduta comune   più i delegati regionali, dura in carica sette anni ed è definito come mediatore dei poteri, rappresentante dell'unità dello Stato e garante della Costituzione.

Al re nello Statuto apparteneva il potere esecutivo, che nella Costituzione appartiene al Governo, era il capo supremo dello Stato, comandava le forze di terra e di mare e aveva il potere di fare trattati di pace, di alleanza, ed era capo della magistratura sulla quale aveva il controllo.

Secondo l’articolo 6 spettava al Re la   nomina di tutte le cariche dello Stato,   il potere di emanare decreti e regolamenti per l'esecuzione delle leggi ed era, come si è già accennato indipendente dal Parlamento per quanto riguardava la nomina del Governo: in realtà dal 1850 prevalse la prassi di nomina di un Governo che fosse espressione della maggioranza parlamentare.

Secondo l’articolo. 94 della Costituzione il Governo deve avere la fiducia delle due Camere, pena la decadenza .

 

Infine, per quanto riguarda la magistratura, nello Statuto vi sono pochi articoli che trattano questo argomento, dall’articolo 68 al 73, mentre nella Costituzione vi è un'ampia sezione dedicata proprio alla magistratura dall’articolo 101 all’articolo 113, a cui va aggiunta   una parte della sezione intitolata ai Rapporti Civili, riservata alla tutela giurisdizionale dei diritti (dall’articolo 24 all’articolo 28).

 

Relativamente all’esercizio del potere giurisdizionale, è significativo fare un confronto fra l’articolo 68 dello Statuto Albertino e l’articolo 101 e seguenti della Costituzione, in modo da evidenziare le differenze esistenti nella tutela dell’indipendenza della magistratura.

L'articolo 68 dello Statuto stabilisce che: "La giustizia è emanata dal re ed è amministrata a suo nome dai giudici che egli istituisce".

Mentre nella Costituzione l'articolo 101 così recita: "La giustizia è amministrata in nome del popolo e i giudici sono soggetti soltanto alla legge."; l'articolo 104 comma 1 : "La magistratura costituisce un ordine autonomo indipendente da ogni altro potere";   l'articolo 107 comma 1: "I magistrati sono inamovibili, non possono essere dispensati o sospesi dal servizio né destinati ad altre sedi o funzioni se non in seguito a decisioni del Consiglio Superiore della Magistratura adottata o per motivi e con le garanzie di difesa stabilite dall'ordinamento giudiziario o con il loro consenso".

 

Viene quindi sottolineata l'indipendenza e l'autonomia della magistratura   sia all’interno sia all’esterno dell’organo.

All’esterno   grazie alla divisione dei poteri   ribadita nell'articolo 104 e al divieto di ingerenze nell’esercizio del potere giurisdizionale, interna grazie al divieto di assetto gerarchico fra i magistrati e al principio di autogoverno della magistratura con l’attribuzione di un ruolo esclusivo in questo settore al Consiglio Superiore della Magistratura, come sancito nell'articolo 105.

L’assoluta necessità   di creare un sistema di pesi e di contrappesi fra i vari organi dello Stato e i garantire continui controlli nell’esercizio delle funzioni costituzionali risponde all’esigenza, assolutamente prioritaria per i nostri Costituenti di creare un sistema giuridico in grado di garantire in ogni situazione il mantenimento dell’assetto democratico.

Lo Statuto, invece trae la propria origine dall’esigenza da parte della monarchia sabauda di contenere le spinte provenienti dai cittadini ad una limitazione dei poteri del Re e quindi, pur riconoscendo alcuni importanti principi, riserva al re stesso, almeno sulla carta, il potere di disporre nel modo più ampio possibile dei poteri dello Stato.

 

 

 

 

 

 

 

                                                                      


PARTE IV

 

LA CRISI DELLO STATO LIBERALE E L’AVVENTO DEL REGIME FASCISTA: CENNI E BREVE CRONOLOGIA.

 

Un tema così ampio non consente una trattazione adeguata in questa sede e per tale motivo ci si limiterà a fare alcuni rapidi cenni alle vicende giuridiche, politiche   e costituzionali, che, vigente lo Statuto Albertino, hanno caratterizzato il passaggio dallo stato liberale al regime fascista e ad indicare una sintetica cronologia che evidenzi i principali eventi storici del ventennio.

 

IV.1. IL PASSAGGIO DAL REGIME LIBERALE AL REGIME FASCISTA.

 

Il passaggio dallo stato liberale al regime fascista si realizzò tra il 1922, anno in cui Mussolini ricevette dal re l’incarico di formare il nuovo governo, al 1925, anno in cui, con l’emanazione delle leggi dette “fascistissime” , che modificano lo Statuto con procedimento ordinario, vengono attuate le condizioni giuridiche per l’instaurazione di un regime dittatoriale.

 

Il processo di produzione normativa che, dalla marcia su Roma in poi, porta ad un progressivo abbattimento delle garanzie costituzionali previste dallo Statuto Albertino è rintracciabile nell’attività normativa del governo, della quale si tenta di seguito una sintesi.

 

La legge elettorale del 18 novembre 1923 (nota come legge Acerbo) stabilisce che la lista con almeno il 25% dei suffragi avrà il diritto di ottenere i 2/3 dei seggi alla Camera dei deputati, mentre fra le altre liste sarebbero stato ripartiti i seggi restanti.   Tale legge si rivela un presupposto dell’organizzazione dello stato totalitario, in quanto, dopo i risultati delle elezioni del 1924, i fascisti hanno la possibilità di controllare in modo assoluto la Camera dei deputati.

La Camera eletta nel 1924 rimane in vita formalmente fino al 1929, nonostante vengano dichiarati decaduti, nel 1926, i deputati che per protesta si erano allontanati dall’Aula, cessando di partecipare alle sedute (secessione aventiniana).

 

Con la legge n. 2263 del 1925 viene attribuita solo al re la possibilità di revoca del capo del governo, eliminando l’istituto della fiducia parlamentare, inoltre viene accentuato il ruolo del capo del governo riservandogli il controllo dell’ordine del giorno delle assemblee parlamentari.

 

La legge n. 100 del 1926 generalizza il sistema dei decreti legge come leggi provvisorie, prolungandone la durata fino a due anni ed eliminando l’effetto retroattivo dell’eventuale mancata conversione. Viene inoltre affidato al governo un ampio potere regolamentare senza prevedere alcun controllo parlamentare su tali atti: al governo viene in pratica attribuito un vero e proprio potere legislativo, in deroga alle leggi formali del Parlamento.

 

Nel 1926 inizia ad operare il Tribunale speciale per la difesa dello Stato, composto da giudici legati al regime, con il compito di giudicare i reati politici, allo scopo di sottrarre questa delicata materia ai giudici ordinari, che non davano sufficienti garanzie di fedeltà al regime.

 

Con la legge 9 dicembre 1928 viene istituito il Gran Consiglio del fascismo, a cui sono affidati importanti compiti consultivi e la dignità di organo costituzionale.

A tale organo inoltre, in ambito elettorale, è affidato il compito di predisporre una lista unica, a cui devono essere attribuiti 400 seggi assegnabili in collegio unico nazionale; gli elettori avrebbero dovuto pronunciarsi con un si o con un no rispetto alla lista presentata, senza nessun’altra possibilità di scelta.

 

Infine, nel gennaio 1939, la Camera dei Deputati viene definitivamente soppressa e sostituita con la Camera dei fasci e delle corporazioni, composta di 600 membri non di origine elettiva.

Con l’ordinamento corporativo il fascismo organizzava il mondo del lavoro e dell’economia in corporazioni di categoria, che raggruppavano sia i datori di lavoro, sia i lavoratori, con lo scopo di impedire la contrapposizione tra le classi sociali e di imporre la collaborazione.

Sempre a tale scopo negli anni precedenti i lavoratori erano stati organizzati nell’unico sindacato fascista, con iscrizione obbligatoria, ed era stato violentemente combattuto lo sciopero.

 

Accanto alle riforme istituzionali, il regime fascista emana norme tendenti a sopprimere le libertà civili, introducendo controlli statali sulla stampa, sulla radio, sul cinema e sugli spettacoli; il dissenso viene perseguito penalmente e viene reintrodotta la pena di morte per i reati contro lo Stato.

 

Nel 1938 vengono emanate le leggi razziali contro gli ebrei, di cui si riportano di seguito alcune disposizioni.

“Viene vietato il matrimonio fra italiani e italiane con elementi appartenenti alle razze camita, semita e altre razze non ariane (...); è vietato ai dipendenti dello Stato ed enti pubblici contrarre matrimonio con donne straniere di qualsiasi razza (...); il matrimonio di italiani ed italiane con stranieri di razza ariana deve avere il preventivo consenso del Ministro degli Interni (...).

I cittadini di razza ebraica non possono essere iscritti al P.N.F.; sono esclusi dal servizio militare; non possono essere tutori o curatori di minorenni; non possono possedere, gestire, dirigere aziende interessanti per la difesa nazionale (...); non possono avere alle loro dipendenze domestici di razza ariana; sono esclusi dagli impieghi dello Stato (...).

Gli alunni di razza ebraica sono esclusi da ogni ordine di scuole private e pubbliche (...).

Gli appartenenti alla razza ebraica non possono esercitare professioni   quali giornalismo, avvocatura, medicina, ingegneria, ragioneria (...), eccezion fatta per le prestazioni di carattere professionale a favore di altri ebrei”.

 

Rispetto allo stato liberale, che lo aveva preceduto, il fascismo restituiva allo Stato centralità e dominio assoluto nei confronti dell’individuo, come veniva evidenziato dalle stesse parole di uno dei maggiori tecnici del regime, il ministro Rocco, di cui riportiamo alcune affermazioni:

“Per il liberalismo, come per la democrazia e il socialismo, l’individuo è il fine, la società il mezzo; né è concepibile che l’individuo, che è fine possa mai assumere il valore di mezzo.

Per il fascismo la società è il fine e l’individuo è il mezzo e tutta la vita della società consiste nell’assumere l’individuo come strumento dei fini sociali (...).

Per il liberalismo, come per la democrazia e il socialismo, il problema fondamentale della società e dello Stato è il problema dei diritti del singolo (...).

Per il fascismo il problema preminente è quello del diritto dello Stato e del dovere dell’individuo e delle classi; i diritti dell’individuo non sono che il riflesso dei diritti dello Stato.

 

Partendo da queste premesse non solo si giustificavano la soppressione di alcune fondamentali libertà, ma diventavano necessarie altre misure restrittive.

Le classi sociali inoltre erano ormai solo degli strumenti nelle mani dello Stato imprenditore, che attraverso le corporazioni avrebbe gestito i rapporti di lavoro.

 

Il distacco dello stato fascista dal sistema normativo istituito dallo stato liberale è stato precedentemente evidenziato; si sottolinea fu proprio il carattere flessibile dello Statuto Albertino, unitamente all’enunciazione di principi generali e quindi soggetti a molteplici interpretazioni, a consentire la costruzione di un regime autoritario e dittatoriale e la sua stessa giustificazione teorica.

 

Il fatto stesso che non fosse stato espressamente abrogato indusse la monarchia e Badoglio a sperare di poter garantire, alla fine della guerra la continuità istituzionale, ritornando all’applicazione della vecchia carta costituzionale nella sua veste originaria.

 

 

IV.2.   BREVE CRONOLOGIA DEGLI EVENTI INTERNI E INTERNAZIONALI.

 

·       1922          Marcia su Roma; il re Vittorio Emanuele III incarica Mussolini di formare un nuovo governo. Il fascismo vive una fase legalitaria, facendo convivere rispetto delle istituzioni liberali e violenza squadrista e consolidandosi al   potere.

 

·       1925          Mussolini si assume la responsabilità del delitto Matteotti di fronte ad un   Parlamento   privo   di oppositori e avvia la fascistizzazione dello Stato (leggi fascistissime). Si organizza un   controllo capillare delle istituzioni politiche, economiche, del consenso e della repressione.

 

·       1929          La Crisi di Wall   Street   provoca   ripercussioni    economiche   anche   in   Italia,   dove   lo    stato   abbandona il modello liberista per un forte   interventismo   in   economia   (istituzione di   I.R.I   e   I.M.I.).   E’ questa l’epoca della crisi delle emigrazioni in U.S.A. e    inizia    la     politica    estera espansionistica nel Mediterraneo.

 

·       1936          Guerra di Etiopia: la Società    delle    Nazioni   applica   le sanzioni   nei confronti dell’Italia, che, trovandosi in una situazione di isolamento internazionale, si avvicina alla Germania.Viene stipulato il Patto d’Acciaio fra Italia e Germania.

 

·       1939          Il 3 settembre Francia e Inghilterra dichiarano guerra alla Germania, che ha invaso la Polonia.        L’Italia resta neutrale, ma i successi inducono Mussolini ad entrare in guerra.

 

·       1940          Il 10 giugno l’Italia entra in guerra, impreparata militarmente, ritenendo    la vittoria   facile    e   vicina.

 

·       1942          Da El Alamein sul fronte africano e Stalingrado su quello russo   parte la controffensiva degli   Alleati. Nel marzo del 1943 si verificano a Torino i primi scioperi contro la guerra.

 

·       1943          Il 9 luglio gli Alleati sbarcano in Sicilia; il 25 luglio il Gran Consiglio del Fascismo, in accordo con   il re,   desideroso   di    dissociarsi da Mussolini, vota la sfiducia   contro il capo del   governo, che viene arrestato. Il 5   settembre   il governo Badoglio, nominato dal re, firma l’armistizio con gli Alleati (reso noto solo l’8 settembre). Il re e il governo lasciano Roma.

 

·       1943          Gli Alleati     sbarcano a    Salerno.     I tedeschi liberano   Mussolini, che     vita, a   Salò, alla   Repubblica Sociale Italiana. L’esercito tedesco occupa l’Italia, dove l’esercito, senza ordini chiari, si sbanda.   Soldati e antifascisti organizzano il CLN: inizia la Resistenza o Guerra di Liberazione nazionale: nell’autunno del 1943 i partigiani sono 10.000.Napoli insorge contro i tedeschi.

 

·       1944          Il numero dei partigiani sale a 100.000 ed essi controllano le zone appenniniche e alpine.Nel convegno di Salerno, Togliatti, segretario del P.C.I., rinvia la questione istituzionale al momento successivo alla vittoria sui nazifascisti e favorisce la formazione di un fronte compatto nell’ambito del CLN.

Il 4 Giugno viene liberata Roma, dove nel marzo si è verificata la strage delle Fosse Ardeatine.Il governo Bonomi inizia l’opera di defascistizzazione dello Stato.

 

·       1945          Viene sfondata la “Linea Gotica”; il 25 aprile alleati e partigiani liberano le principali città, di cui i   Comitati di Liberazione Nazionale assumono il governo.         Si calcola che i caduti della resistenza furono 70.000.        Nel giugno si instaura il governo Parri di unità nazionale. L’ideale antifascista accomuna forze   eterogenee, dai cattolici ai liberali ai socialisti e comunisti.

Al governo Parri, che per il suo riformismo radicale non ottenne il consenso dei partiti politici di massa,   seguì il governo De Gasperi, che traghettò l’Italia verso le riforme istituzionali nel   segno del moderatismo, della continuità e del consenso degli Alleati.

 

·       1946          Il 2 giugno si tengono le elezioni per la Costituente e il Referendum istituzionale a suffragio universale e con il 90% dei votanti. la Repubblica, con circa 12.700.000 voti contro 10.700.000 supera la monarchia. il re, Umberto II di Savoia (al trono dal 9 maggio) lascia l’Italia.

 

·       1947          L’Assemblea Costituente lavora per 18 mesi, dal giugno 1946 al dicembre 1947, divisa in commissioni e sezioni . una commissione ristretta di 18 membri elabora il testo definitivo proposto alla discussione in aula. Dopo 170 sedute e 1663 emendamenti viene approvata la Costituzione, che, firmata dal Presidente De Nicola, entra in vigore il 1° gennaio 1948.

 

 

 


PARTE V

 

L’ASSEMBLEA COSTITUENTE: VICENDE STORICHE   E DIBATTITO SULLA COSTITUZIONE.

 

Numerosi e gravissimi furono i problemi che si trovò ad affrontare l’Italia con la fine della guerra: il Paese era stato “spaccato” in due dal conflitto, da cui usciva con un numero enorme di vittime e con una grande devastazione. Era necessario risolvere il problema istituzionale, porre le basi per il nuovo Stato , evitando il rischio di ricadere nuovamente in regimi autoritari,   fare i conti con l’assetto normativo e burocratico lasciato dal regime fascista e tenere conto delle pressioni dei governi alleati.

Quelli elencati non sono che alcuni dei problemi che si ponevano subito dopo la Liberazione; nell’esaminare il contesto storico, politico e istituzionale, si intendono presentare prima i dati relativi alle elezioni del 2 giugno 1946, poi esaminare le vicende relative all’Assemblea Costituente e successivamente fare riferimento ai valori contenuti   nei principi fondamentali della Costituzione italiana.

Per lo schema relativo al contenuto di ciascun articolo si rinvia all’Appendice.

 

 

V.1.   I RISULTATI DELLE ELEZIONI DEL 2 GIUGNO 1946.

 

Durante la campagna elettorale che ha preceduto la elezioni del 2 giugno del 1946 le forze politiche che facevano parte del fronte antifascista si confrontarono sul tema della scelta istituzionale e sul tema dei poteri dell’Assemblea Costituente e sul contenuto stesso della Costituzione, a cui si aggiungeva il nodo relativo all’organizzazione economica del paese.

Per quanto riguardava la Sinistra, comprendente il Partito Comunista, il Partito Socialista e il Partito d’Azione, questa assunse una posizione decisa a favore della scelta repubblicana, proponendo che fosse un Consulta a deliberarlo, in aggiunta allo svolgimento di funzioni costituenti.

Il Centro, prevalentemente cattolico, adottò una posizione neutrale, lasciando gli elettori liberi di decidere e scelse di non assumere alcuna posizione in modo da non pregiudicare il consenso di alcun settore dell’elettorato.

La Destra, in cui si concentravano i badogliani, i liberali e gli aderenti al movimento dell’Uomo Qualunque, propugnò lo svolgimento del referendum istituzionale, sperando di ottenere il consenso del Sud, più vicino alla monarchia e non coinvolto nell’esperienza della Resistenza.

Notevoli pressioni inoltre venivano esercitate dagli Alleati ed in particolare dagli Inglesi a favore dello svolgimento di un referendum istituzionale e a favore dell’elezione di un’Assemblea Costituente, a cui fossero negati i poteri di legislazione ordinaria, rinviando quindi ad un momento successivo l’adeguamento del sistema normativo.


 

Il referendum istituzionale del 2 giugno 1946 portò ai seguenti risultati:

 

·       Il Sud e le isole videro il 35,7% dell’elettorato favorevole alla Repubblica e il 64,3% favorevole alla Monarchia.

·       Il Centro e il Nord si espressero per il 64% dell’elettorato a favore della Repubblica e per il 36% a favore della Monarchia.

·       A livello nazionale la Repubblica ottenne il 54,3% dei voti, mentre la Monarchia ottenne il 45,7% .

 

 

Le   elezioni per l’ Assemblea Costituente, svoltesi nello stesso giorno, portarono ai seguenti risultati:

 

·       PARTITO COMUNISTA                                    104       SEGGI

·       PARTITO SOCIALISTA                         119      

·       DEMOCRAZIA CRISTIANA                207

·       PARTITO D’AZIONE                                 7

·       UNIONE DEMOCR. NAZ. (LIBER.)      41

·       FRONTE DELL’ UOMO QUALUNQUE            30

·       ALTRE LISTE                                           51

 

Totale seggi assegnati                                     555

 

 

Dall’esame dei risultati risulta evidente l’assoluta preminenza dei partiti di massa, fra cui la Democrazia Cristiana emergeva come il partito di maggioranza relativa.

Dalle elezioni uscì ridimensionato il Partito d’Azione, che pure ebbe un ruolo importante nella lotta contro il fascismo, ma che non poteva contare un un’ampia base sociale, e uscirono ridimensionati i liberali.

Ottenne inoltre una certa rappresentanza il Fronte dell’Uomo Qualunque, che raccoglieva consensi nella piccola e media borghesia duramente colpita dal conflitto e che sarebbe in seguito confluito nel MSI.

 

 

V.2.   I LAVORI DELLA COSTITUENTE E IL RUOLO DEI PARTITI POLITICI NEL PROGETTO COSTITUZIONALE ( Dal contributo del Prof. Agosti) .

 

L’approvazione della Costituzione della Repubblica fu l’ultimo atto comune delle forze che avevano lottato contro il fascismo e avevano partecipato alla resistenza.

L’assemblea costituente era stata eletta il 2 giugno 1946; si arrivò 13 mesi dopo la liberazione dell’intero paese e questo ritardo, che si accompagnò al referendum istituzionale, non fu casuale, ma fu favorito da vari interessi politici; da una parte vi erano le forze alleate che avevano occupato l’Italia e le forze moderate del gruppo antifascista, che temevano una rottura forte; non vi era comunque il rischio di una rivoluzione, perché il mondo era già diviso in due sfere di influenza ciascuna di competenza di una delle due potenze (l’Italia degli USA); non vi era quindi spazio per progetti rivoluzionari.

Nei tredici mesi che separano la liberazione dalle votazioni del 2 giugno 1945 si discusse sui poteri della Costituente; dopo la formazione del primo governo di unità nazionale, si era sancito che l’Assemblea Costituente avrebbe deciso la forma istituzionale; inoltre i socialisti desideravano che l’Assemblea Costituente avesse potere legislativo.

Sotto la spinta delle forze moderate e degli Alleati non si operò questa scelta: in realtà il referendum non permise di salvare la monarchia, ma privò la Costituente di questo compito, riservandole però la grande incombenza di produrre la nuova Costituzione.

Si trattava di un fatto veramente nuovo, che trova un precedente solo nelle repubbliche giacobine.

 

Lo Statuto Albertino aveva retto l’Italia fino all’entrata in vigore della Costituzione; lo Statuto era una costituzione concessa, e quindi non poteva porre le premesse per   uno stato democratico, mentre la nuova costituzione doveva essere espressione della sovranità popolare.

Lo Statuto non aveva garantito i diritti di libertà, per quanto dal 1848 al 1922 si fosse sviluppato come un ordinamento costituzionale e parlamentare, ma dal 1922, con la complicità della monarchia, lo Statuto era stato svuotato da ogni garanzia, per instaurare un regime totalitario.

 

Si desiderava quindi dare all’Italia una costituzione antifascista, che eliminasse i rischi di ripiombare

nell’esperienza fascista, che garantisse nel modo più ampio la libertà’, l’uguaglianza e la partecipazione dei cittadini.

In questo senso l’affermazione   che la Costituzione è nata dalla Resistenza è fondata; essa inoltre, a differenza di altre nuove costituzioni, non sancisce una rivoluzione già compiuta, ma   prende atto e   regolamenta un processo di trasformazione molto profondo.

 

Anche grazie al ritardo accumulato fino alle elezioni della Costituente, gli aspetti più radicali della rottura del 1945 erano riassorbiti e svuotati dall’interno; in realtà la Costituzione fu perfezionata in una fase in cui la collaborazione fra le forze politiche antifasciste stava esaurendosi, anzi nel 1948 la rottura fra tali forze si era ormai consumata; nel maggio del 1947 i socialisti e i comunisti erano esclusi dal governo, in quando De Gasperi aveva formato il suo quarto governo escludendo il PSI e il PCI; la Costituzione quindi fu elaborata nel corso della lotta politica che portò all’estromissione delle sinistre dal governo.

Era questo il primo riflesso della situazione di guerra fredda che stava progressivamente caratterizzando gli sviluppi dei rapporti internazionali su scala mondiale.

 

Lo scontro aspro fra forze politiche che rappresentavano anche   classi sociali con istanze fra loro opposte,   fu però “sublimato” in seno all’Assemblea Costituente, in cui le forze politiche   uscite dalla Resistenza e dall’antifascismo riuscirono a raggiungere una coesione tale da far pervenire all’elaborazione di un progetto di Stato che rappresentava una grossa novità rispetto alla storia italiana.

 

L’aspetto più innovativo di questo progetto sta proprio nella compresenza di istanze politiche e culturali molto diverse ma unite da un punto in comune: l’introduzione, accanto ai principi di libertà ed alle norme sull’ordinamento dello stato, dei diritti sociali.

Questi furono sanciti essenzialmente nella prima parte della Costituzione, cioè in quella che è la sua parte programmatica, mentre le garanzie pratiche di effettivo esercizio dei diritti sociali   sono poi rinviate alla legge ordinaria.

Questo è un primo effetto del fatto che la Costituente non avesse avuto poteri legislativi.

Essa fissava dei principi   le cui modalità   di esercizio erano però rinviate alla volontà del Parlamento. Questo fatto determinò, specie nei primi anni (o forse decenni) di vita repubblicana una netta sfasatura tra Costituzione e legge ordinaria.

 

Sui diritti sociali vi fu una sostanziale convergenza fra le tre grandi tradizioni dei movimenti di massa (quello socialista, quello comunista e quello cristiano); i   partiti di massa rappresentarono la maggiore novità sulla scena politica italiana.

Circa il 75% dei votanti infatti aveva sostenuto i partiti di massa che così diventavano i veri protagonisti della vita politica italiana; a questo proposito vale la pena di ricordare che prima del fascismo la maggioranza relativa spettava ai liberali.

 

Togliatti, a proposito di questa confluenza dei partiti di massa sui diritti sociali, parlo di “solidarismi” di tipo diverso: quello di classe dei partiti operai e quello cattolico che nasceva da convinzioni religiose.

Sul concetto di solidarietà infatti egli sosteneva che vi fossero molti punti di convergenza in seno all’Assemblea.

 

Nella prima parte della Costituzione vi è l’enunciazione di una serie di questi diritti, a cui si arrivò attraverso una sorta di autolimitazione da parte dei Costituenti, disposti a   mettere da parte le differenze ideologiche che li separavano   per tenere fermi gli aspetti   pratici   del solidarismo.

 

Questo non fu possibile per ogni aspetto della Costituzione, pertanto si notano da un lato espressioni di notevole genericità, dall’altro anche difformità o addirittura contraddizioni tra le varie parti del testo.

Alcuni principi peraltro furono imposti a colpi di maggioranza; l’esempio più noto è quello che riguarda l’articolo 7, riguardante i rapporti fra Stato e Chiesa.

Al di là della proclamazione del principio di separazione, passò poi di fatto l’accoglimento dei patti lateranensi del 1929,   che erano il frutto non certo di una stagione di libertà civili   e costituivano il prezzo che il fascismo aveva pagato per assicurarsi l’appoggio del Vaticano.

Il voto favorevole dei comunisti al recepimento dei Patti Lateranensi fu una scelta molto discussa e sofferta: alcuni rappresentanti comunisti, non essendo d’accordo, non parteciparono al voto. La decisione fu criticata dagli altri partiti laici (in particolare dai socialisti che invece votarono contro).

Tale posizione venne motivata in seguito da Togliatti, che sostenne la scelta dei comunisti di   evitare una spaccatura del Paese secondo linee religiose. Tale spaccatura avrebbe rappresentato un pericolo molto grave in un tessuto sociale   ancora immaturo, disgregato da 20 anni di dittatura e già di per se stesso diviso sul piano politico ideologico e su quello economico.

A distanza di tempo si può dire che dal punto di vista tattico quella scelta fu fallimentare ma che, nel lungo periodo, alla luce del successivo prevalere della DC e delle conseguenti spinte alla clericalizzazione, forse una eccessiva contrapposizione dei movimenti di massa sugli aspetti religiosi avrebbe messo gravemente a rischio l’assetto democratico giovane e fragile che esisteva nel Paese.

 

Al di là dei rari casi in cui in seno alla Costituente si votò a colpi di maggioranza (maggioranza peraltro come si è visto non precostituita) l’accordo fra le forze politiche rappresentò il principale modo di procedere alla elaborazione di un testo che aveva nella sua parte programmatica il più evidente elemento di novità.

Si può quindi concludere che il cosiddetto “compromesso costituzionale” non sia da considerarsi   un mero patteggiamento fra le forze politiche che si confrontarono nell’Assemblea, ma   contenga anche un alto contenuto ideale, che consentì alla Costituzione di essere non l’espressione di una maggioranza, ma un patto in cui si riconobbero tutte le forze politiche.

 

Questa affermazione è confermata dall’impianto fortemente garantista della carta costituzionale, presente non solo nel più ampio riconoscimento dei diritti di libertà, ma nell’individuazione di due “garanti” fondamentali: il Presidente della Repubblica, a cui è attribuito il potere di rinviare le leggi alle Camere quando vi ravvisi profili di incostituzionalità; dall’altro la Corte Costituzionale, che può annullare le leggi ritenute incostituzionali.

 

 

V.3.   LE MATRICI IDEALI DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

 

Nel periodo costituente i partiti riproposero le proprie ispirazioni ideali, sulla base delle ispirazioni culturali e istituzionali allora disponibili,   che risentivano della parentesi del ventennio fascista.

Terreno comune ai vari orientamenti era l’antifascismo, ma per quanto riguarda i contenuti venivano espresse posizioni talvolta in forte contrapposizione.

 

E’ questa la ragione per cui spesso si parla della Costituzione come di un compromesso fra le tre grandi correnti di pensiero, che si ponevano agli antipodi della concezione totalitaria fascista: quella cattolico-democratica, quella marxista, quella liberaldemocratica.

 

Di queste tre matrici vi sono evidenti tracce nella Costituzione.

 

Il filone cattolico-democratico trova, ad esempio, espressione nell’ispirazione personalista e nell’attenzione per le comunità intermedie (art. 2), nell’idea di una comunità internazionale che assicuri la pace e la giustizia (art. 11), nella riconferma dei Patti Lateranensi (art. 7), nell’attenzione per i diritti della famiglia (art. 29 e 30) e per la scuola privata (art. 33), nel favore per le forme di attività economica basate sulla cooperazione fra capitale e lavoro (art. 44, 46 e 47).

Anche nella seconda parte della Costituzione si possono rilevare elementi più vicini a questa concezione dello Stato: il primato del Parlamento, il regionalismo politico e amministrativo, gli istituti di democrazia diretta, il controllo giurisdizionale della Corte Costituzionale.

 

Non altrettanto evidenti sono le tracce dell’ispirazione di cultura marxista, anche perché i socialisti e i comunisti   scelsero di non impostare una Costituzione modellata sui loro programmi e si limitarono a rivendicare la più ampia affermazione dei diritti di libertà e un ordinamento che fosse espressione della sovranità popolare mediata dai partiti di massa, rinviando ad un momento successivo l’eventuale trasformazione dello Stato in senso socialista.

 L’influsso della cultura  marxista è riconoscibile nei temi dell’uguaglianza sostanziale (art. 3), del diritto al lavoro (art. 4), dei diritti del lavoro (artt. 35   e sgg.), del governo pubblico dell’economia e dell’intervento dello Stato al fine di limitare monopoli pubblici e privati (artt. 41, 42, 43), del ruolo dei partiti politici (art. 49).

 

La terza ideologia, quella liberaldemocratica, era minoritaria in seno all’Assemblea, ma rappresentata da alcuni grandi personalità quali Einaudi e Calamandrei e, avendo radici nelle grandi rivoluzioni borghesi, si rifletteva nelle altre correnti ideali.

Le tracce di tale matrice sono riconoscibili in molti articoli della Costituzione e in particolare laddove si rende necessario garantire la libertà dell’individuo dallo Stato e, per quanto attiene la seconda parte al sistema di divisione dei poteri e di contrappesi nell’esercizio delle funzioni fra i vari organi dello Stato.

 

L’esigenza di rendere compatibili le diverse spinte ideali ha talvolta portato all’approvazione di articoli che possono anche sembrare contraddittori, ma che di fatto, dopo aver deciso una linea di fondo, garantiscono interessi ed istanze diverse.

Può esser citato come esempio l’articolo 41, in cui viene affermato, al comma 1, il principio della libera iniziativa economica privata, mentre nei successivi commi vengono posti dei limiti: “non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità   umana” o degli obiettivi “la legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l’attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali”.

 

Accanto al dibattito sul “compromesso costituzionale” si è sviluppato ben presto quello sulle norme “programmatiche”, inserite, secondo quanto ebbe a dire Calamandrei, per compensare le forze di sinistra del mancato raggiungimento dei loro obiettivi rivoluzionari.

In realtà tali norme ebbero una grande importanza nella giurisprudenza della Corte Costituzionale, che ne ha sostenuto più volte la concreta efficacia.

Va citata a tale proposito la prima sentenza della Corte Costituzionale, emessa il 5 giugno 1956, in cui, richiamandosi all’immediata efficacia dell’articolo 21, si affermava l’illegittimità dell’articolo 113 del testo Unico delle leggi di pubblica sicurezza, che imponeva l’autorizzazione delle autorità di pubblica sicurezza per l’affissione di manifesti e la distribuzione di stampati.

 

E’ in conclusione, proprio nello stato democratico che trovano una sintesi le diverse istanze ideologiche, tanto che si può affermare, secondo quanto sostenuto da N. Bobbio, che la Costituzione rappresenta: “un superamento dell’antitesi fra il liberalismo che predilige i diritti di libertà e il socialismo che antepone i diritti sociali (...). Il riconoscimento di alcuni diritti sociali fondamentali è il presupposto o la precondizione di un effettivo esercizio dei diritti di libertà. L’individuo istruito è più libero di un incolto; un individuo che ha un lavoro è più libero di un disoccupato; un uomo sano è più libero di un malato”.

Analoghe affermazioni provenivano da P. Calamandrei, che così scriveva: “Anche i diritti sociali sono diritti di libertà perché costituiscono la premessa indispensabile per assicurare a tutti i cittadini il godimento effettivo delle libertà politiche”.

 

 

 

 

 

 

 

PARTE VI

 

DALLA COSTITUZIONE ITALIANA ALLA TUTELA INTERNAZIONALE DEI DIRITTI.

 

La tutela dei diritti sociali, che rappresenta un elemento fondamentale nelle costituzioni degli stati democratici,   trova un riconoscimento forte nel diritto internazionale, lasciando al cittadino spazio per la tutela dei propri diritti   anche nei confronti dello Stato di cui fa parte attraverso il ricorso alla comunità internazionale.

 

 

VI.1.   I DIRITTI SOCIALI E LE PROSPETTIVE DI ATTUAZIONE NEL DIRITTO INTERNAZIONALE.

 

- I diritti sociali come diritti fondamentali.

 

Abbiamo iniziato con l’analizzare la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo per arrivare ad esaminarne le prospettive di attuazione nel diritto internazionale.

Innanzi tutto è necessario partire con la definizione di diritti fondamentali e dall’elemento comune   che li caratterizza, vale a dire lo strumento di garanzia costituzionale, cioè il grado di rigidità del vincolo normativo conferito alla loro enunciazione nelle carte costituzionali ed in particolare i diritti fondamentali   sono collocate al vertice della gerarchia delle fonti e non sono oggetto di revisione costituzionale.

I diritti sociali sono invece uno strumento di tutela riconosciuto da tutte le costituzioni   democratiche: per garantire l’uguaglianza e il riconoscimento delle dignità e dei diritti uguali ed inalienabili; infatti i diritti dell’uomo sono a fondamento della libertà,   della giustizia e delle pace a livello mondiale;   è opportuno poi sottolineare che il nucleo dei principi fondamentali   (i diritti della persona e del cittadino, l’uguaglianza, etc.) sono riconosciuti a tutti gli uomini, non possono essere soppressi da nessuna maggioranza, anzi devono essere estesi nel maggior modo possibile.

 

 

 

  DIRITTI FONDAMENTALI

 

 


DIRITTI SOCIALI

 

 

 

strumento di tutela riconosciuto dalle

Costituzioni democratiche al fine di garantire

il riconoscimento delle dignità e dei diritti

 

è indispensabile la Garanzia Costituzionale

i Diritti dell’Uomo devono essere protetti da

norme giuridiche : nessuna maggioranza può sopprimerli

 

Diritti dell’Uomo

·        uguali ed inalienabili

·        fondamento della libertà, della giustizia e della pace del mondo

 

 

 

- La tutela dei diritti fondamentali a livello mondiale

 

Il problema comune a tutti i diritti   fondamentali è quello della loro garanzia costituzionale;   ci dovrebbe essere l’accentuazione delle garanzie costituzionali attraverso l’esclusione della possibilità di qualsiasi forma di restrizione di tali diritti; in questa prospettiva occorre individuare nelle costituzioni un nucleo duro di principi, insopprimibile, ma passibile solo di rafforzamenti ed ampliamenti.

 

La garanzia dei diritti fondamentali rischia ora di incrinarsi a causa dell’attuale crisi dello stato nazionale, che si manifesta nel mutamento dei luoghi della sovranità e nella conseguente alterazione del sistema delle fonti: si pensi al valore sovralegale delle direttive della CEE e ad esempio ai criteri dettati dal Trattato di Maastricht, che si sottraggono non solo al controllo normativo, ma anche al dettato costituzionale di ciascuno degli stati membri.

Ne consegue che oggi è compito fondamentale della cultura giuridica e politica produrre una costituzione europea che dovrebbe lasciare aperto il dibattito democratico ed essere orientata alla tutela dei diritti democratici del nostro tempo.

 

La crisi dello Stato attuale può inoltre essere superata attraverso il rafforzamento delle autonomie locali nelle gerarchia delle fonti che garantisca il primato delle fonti comunali e regionali rispetto alle fonti nazionali perché più vicine all’elettorato e ponendo al vertice della gerarchia delle fonti proprio la garanzia dei diritti fondamentali.

 

Un altro problema è dato dai diritti dell’uomo, in quanto si viene a creare un’antinomia fra i diritti   dell’uomo e i diritti del cittadino: la sfida in questo caso è rappresentata dall’abolizione della cittadinanza attraverso cioè la soppressione dello status privilegiato del cittadino rispetto al singolo individuo e al contrario l’affermazione di una cittadinanza universale riconoscendo a tutti gli individui, uomini e donne, gli stessi diritti fondamentali.                                   

 

Nel 1539 si legittimò la conquista delle Americhe da parte degli Spagnoli sostenendo che essi godessero degli stessi diritti degli indios nel momento in cui approdassero nel loro territorio e la stessa cosa sarebbe valsa per questi ultimi nel caso in cui si fossero recati in Europa; questo perché era impensabile un loro migrazione.

 

Oggi però la situazione si è rovesciata: l’universalità e la reciprocità di questi diritti è stata negata attraverso l’istituzione della cittadinanza e proprio nel momento in cui si trattava di prenderla sul serio e di pagarne il costo.


 

LA TUTELA DEI DIRITTI FONDAMENTALI :

VERSO UNA COSTITUZIONE MONDIALE

 

Ci dovrebbe essere una maggiore garanzia costituzionale :

·      esclusione della possibilità di revisione e restrizione dei diritti fondamentali con procedimento aggravato ;

·      isolamento di un nucleo di principi fondamentali

 


        ma

 

·      valore sovra-legale delle direttive della CEE e di organismi internazionali

 

 

 


Soluzione :

·      stipulazione di una costituzione europea

·      rafforzamento delle autonomie locali

·      diritti fondamentali al vertice della gerarchia delle fonti

 

 

 

Inoltre

Eliminazione dell’antinomia tra diritti dell’uomo e diritti del cittadino tramite :

·      soppressione della cittadinanza come status privilegiato

·      cittadinanza universale

 

 

 

VI.2.   LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL’UOMO.               

 

La dichiarazione universale dei diritti dell’uomo è stata adottata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unita il 10 dicembre 1948; essa costituisce il fondamento di valori quali libertà, uguaglianza, pace, giustizia ed è una delle più alte affermazioni delle aspirazioni umane, in quanto salvaguarda libertà di parola, di credo, libertà dal timore e dal bisogno.

Essi sono valori fondamentali che vanno tutelati con adeguate norme giuridiche;   la Dichiarazione dei diritti umani promuove i rapporti amichevoli fra le nazioni che si impegnano ad affermare e a garantire i principi stabiliti nel documento; per quanto riguarda l’Assemblea generale possiamo dire che essa proclamò la Dichiarazione quale ideale da raggiungere fra i paesi che ad essa avevano aderito.

I vari stati si devono quindi sforzare di promuovere anche tramite l’insegnamento e l’educazione il rispetto di quanto stabilito nella Dichiarazione; l’Assemblea precisò inoltre che gli articoli dovevano essere rispettati dalla popolazione degli stati membri e da quelle sottoposte alla loro giurisdizione.

Le Dichiarazioni seguite a quella universale dei diritti umani si sono poste lo scopo di tutelare in modo più esplicito i diritti sociali.

 

 

“Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo”

 

·      Adottata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 10/12/1948

 

                                                                              libertà

Costituisce il fondamento della                          giustizia

                                                                              pace nel mondo

 

·      È una delle più alte aspirazioni umane in quanto

                                                                              di parola

     salvaguarda le libertà                                      di credo

                                                                              dal timore

                                                                              dal bisogno

     che vanno protette da norme giuridiche

 

·      Promuove lo sviluppo dei rapporti amichevoli tra le nazioni

 

 


 

L’Assemblea Generale proclama :

 

La seguente Dichiarazione come ideale da raggiungersi

tra le varie Nazioni

l’insegnamento

 

l’educazione

 

 

 

 


  che si devono sforzare per promuovere con

 

 

il rispetto di tali principi.

 

 

La suddetta Dichiarazione dovrà essere riconosciuta e rispettata fra i popoli degli stati membri e fra quelli sottoposti alla loro giurisdizione.

 

 

 

VI.3. I DIRITTI UNIVERSALI ATTRAVERSO LE DICHIARAZIONI.                                

 

Per quanto riguarda la tutela dell’infanzia, possiamo dire che è contenuta nella Dichiarazione dei diritti del fanciullo , approvata dall’Assemblea Generale dell’O.N.U. il 20 Novembre 1959: in questo documento è affermato che tutti   i fanciulli   devono godere dei diritti enunciati quali educazione e protezione e la responsabilità è affidata ai genitori e alla società in genere.

 

 

 

“DIRITTI DEL FANCIULLO”

Assemblea Generale ONU 20/11/1959

 

Tutti i fanciulli senza eccezione devono godere dei diritti

e delle libertà enunciate (educazione e protezione).

La responsabilità è dei genitori e della società.

 

 

 

 

 

“DIFFUSIONE TRA I GIOVANI DI IDEALI DI PACE, RISPETTO...”

Ass. ONU 7/12/1965

 

Le giovani generazione devono essere allevate in uno spirito di pace, giustizia, libertà, rispetto e comprensione.

L’educazione deve essere impartita dalla famiglia, dalla scuola e dall’informazione.

 

 

La Dichiarazione sull’eliminazione di ogni forma di discriminazione razziale viene approvata dall’Assemblea Generale dell’O.N.U. il 20 Novembre 1963 e concede un’ampia tutela a tutte le razze e promuove delle iniziative per   eliminare le discriminazioni e afferma che ogni politica di apartheid e di discriminazione e di segregazione   razziale deve cessare e condanna qualunque propaganda e organizzazione in generale che si basino sulla superiorità di una razza rispetto ad un’altra.

 

Per quanto attiene le problematiche giovanili si osserva che l’Assemblea Generale, il   7 Dicembre 1965, viene dichiarato che le giovani generazioni devono essere allevate in uno spirito di pace, comprensione, giustizia, libertà e rispetto; l’educazione deve essere impartita dalla famiglia e dalla società.

 

 

“ELIMINAZIONE DI OGNI FORMA DI

DISCRIMINAZIONE RAZZIALE”

Ass. ONU 20/11/1963

 

·      Tutela delle razze

·      Promuovere iniziative per abolire la discriminazione

·      Ogni politica di “apartheid”, di segregazione e di discriminazione razziale deve cessare senza indugio

·      Condanna qualunque propaganda ed organizzazione che si basa sulla esaltazione di una razza rispetto alle altre

 

 

 

La Dichiarazione sull’eliminazione di qualsiasi forma di intolleranza derivanti dalla religione o dal credo viene approvata dall’Assemblea Generale il 25 Novembre 1981 e si presenta simile alla Dichiarazione contro le discriminazioni razziali e viene affermato che gli uomini hanno pari dignità e uguaglianza dinanzi alla legge; essa inoltre promuove tutte le iniziative atte ad eliminare tali discriminazioni.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“DICHIARAZIONE SULL’ELIMINAZIONE DI TUTTE LE FORME DI INTOLLERANZA FONDATE SULLA RELIGIONE O IL CREDO”

25/11/1981

 

Dignità e uguaglianza a tutti gli esseri umani

 

 

 


non vi deve essere intolleranza o discriminazione

sulla religione o sul credo

 

 

La Dichiarazione per l’eliminazione di qualsiasi forma di discriminazione nei confronti della donna , approvata il 7 Novembre 1967, stabilisce alcuni principi fondamentali:

la discriminazione nei confronti della donna è ingiusta e lesiva della dignità umana;

è necessario sensibilizzare l’opinione pubblica su tale tema;

si afferma il riconoscimento del diritto di voto alle donne;

si riconoscono gli stessi diritti degli uomini in tema di cittadinanza, scuola, occupazione, vita sociale ed economica;

impegno di combattere la tratta delle donne e lo sfruttamento della prostituzione.

 

 

 

“DICHIARAZIONE SULL’ELIMINAZIONE DI OGNI FORMA DI DISCRIMINAZIONE DELLA DONNA”

7/10/1967

 

·      La discriminazione delle donne è ingiusta e lesiva della dignità umana

·      Diritto di voto alle donne

                                                                                    cittadinanza

Stessi diritti degli uomini in tema di                         famiglia

                                                                                    educazione

                                                                                    vita sociale ed economica

 

 

·      Obbligo di combattere la tratta delle donne e lo sfruttamento della prostituzione femminile


 

La Dichiarazione dei diritti dei portatori di handicap rivendica l’affermazione della fede nei diritti dell’uomo   e delle libertà fondamentali e della dignità e del valore della persona umana e sottolinea la necessità di proteggere i diritti   e di garantire il benessere e il reinserimento dei portatori di handicap fisici e mentali e di prevenire gli stessi con apposite misure.                        

 

                       

 

 

“DIRITTI E TUTELA DEI PORTATORI DI HANDICAP”

Ass. ONU 9/12/1975

 

Affermazione :

·      della fede dei diritti dell’uomo e nelle libertà fondamentali e nei principi di pace

·      della dignità e del valore della persona umana

Necessità :

·      di proteggere i diritti e di garantire il benessere ed il riadattamento dei portatori di handicap fisici e mentali

·      di prevenire le invalidità fisiche e mentali

 

                                                                                                                                


PARTE VII

 

IL DIBATTITO SULLA RIFORMA DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

DAL CONFRONTO FRA LE VARIE FORME DI GOVERNO AI PROGETTI.

 

Nel dibattito relativo alla riforma della Costituzione italiana, che con gli Anni Novanta si è fatto più   acceso si sottolinea l’importanza di intervenire con un processo di revisione che riguardi prevalentemente la seconda parte della carta costituzionale.

Notevole è quindi per tale motivo l’attenzione verso le forme di governo in vigore negli altri stati democratici, con lo scopo di mutuare un modello, che, con i necessari adattamenti, sia più funzionale alle mutate esigente del Paese.

E’ per tale motivo che nella nostra analisi siamo partiti dall’esame dei modelli di riferimento più diffusi negli stati democratici, prima ancora di affrontare il dibattito sulla riforma.

 

 

VII.1. LE FORME DI GOVERNO: DEFINIZIONE E CONFRONTO.          

 

Per FORMA DI GOVERNO si intende la modalità con cui sono suddivisi i poteri fra gli organi dello Stato.

Le tre forme di governo principali, in vigore negli stati democratici,   sono:

·       La forma di governo parlamentare;

·       La forma di governo presidenziale;

·       La forma di governo semipresidenziale;

 

a)          La forma di governo parlamentare.

 

E` la più diffusa nei paesi occidentali e ha come varianti la monarchia parlamentare e la repubblica parlamentare.

C’è da dire inoltre che essa trae origine dall’evoluzione in senso parlamentaristico della forma di governo costituzionale pura.

Le caratteristiche essenziali sono:

·       I titolari del potere di indirizzo politico sono la maggioranza parlamentare e il governo da questa   sostenuto.

·       Governo e maggioranza parlamentare sono legati dal RAPPORTO DI FIDUCIA (quindi per poter restare in carica   il Governo         deve godere della fiducia del Parlamento).

·       Il rapporto di fiducia viene meno nel caso in cui il Parlamento approvi una mozione di sfiducia o vi siano le dimissioni del Presidente del Consiglio (crisi di governo parlamentare, crisi extraparlamentare).   Alcuni ordinamenti prevedono il VOTO DI SFIDUCIA COSTRUTTIVO in base al quale il parlamento non può votare la sfiducia a un governo se non se ne propone altro che lo sostituisca ( es. Germania).

·       Al Governo e` riconosciuto il potere di chiedere al Capo dello Stato di sciogliere anticipatamente il Parlamento, qualora si constati che le Assemblee non sono più in grado di esprimere una solida maggioranza o anche solo per far svolgere le elezioni nel periodo politicamente più favorevole per l’esecutivo.

·       Il Capo dello Stato si pone come garante dell’unita` nazionale e del corretto svolgimento della vita politico- istituzionale del Paese.

 

Infine va tenuto presente che se la forma di governo si trova in un contesto di bipartitismo o bipolarismo   avremo un parlamentarismo a governo forte; se al contrario si trova in un contesto di multipartitismo popolare avremo un parlamentarismo a governo debole.

b)          La forma di governo presidenziale.

 

La forma di governo presidenziale è quella vigente negli Stati Uniti e in alcuni Paesi Sudamericani.

Le sue caratteristiche sono:

·       Mancano in questa forma di governo il rapporto di fiducia , la mozione di sfiducia e il potere di scioglimento.

·       La titolarità del potere di indirizzo politico spetta al Presidente che è contemporaneamente Capo dello Stato e Capo del Governo.

·       Il Presidente è eletto “direttamente” dal corpo elettorale; il suo mandato dura quattro anni e può essere rinnovato una sola volta.

·       La rigida applicazione, sul piano formale, del principio della separazione dei poteri fra esecutivo e legislativo; esistono comunque meccanismi che collegano i due poteri (es. il Presidente è in grado di influenzare l’attività legislativa del Congresso, esercitando il suo diritto di voto. A sua volta il Congresso può condizionare l’operato del Presidente attraverso l’attività legislativa).

 

c)          La forma di governo semipresidenziale.

 

Essa è caratterizzata da una fusione di elementi del modello presidenziale ed elementi del modello parlamentare.

Il modello presidenziale è stato tenuto presente per delineare la figura di Capo dello Stato, eletto “direttamente” dal corpo elettorale e al quale vengono riconosciuti importanti poteri di indirizzo politico.

Naturalmente si è   tenuto conto di molti elementi del modello parlamentare:

L’Assemblea Nazionale può   votare la sfiducia al governo; il Presidente della Repubblica nomina il governo e può sciogliere anticipatamente l’Assemblea Nazionale; infine è prevista la figura del Capo del Governo distinta da quella del Capo dello Stato.


 

LA FORMA DI GOVERNO PRESIDENZIALE (USA)

 

Parlamento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Elegge

 

Elegge

 

ELETTORATO

 

Presidente

 

LA FORMA DI GOVERNO PRESIDENZIALE (FRANCIA)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Nomina

 

Ministri

 

Presidente della

Repubblica

 

Elegge

 

Elegge

 

ELETTORATO

 

LA FORMA DI GOVERNO PARLAMENTARE (ITALIA)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


VII.2.   LA PROPOSTA DI RIFORMA DELLA COMMISSIONE BOZZI.

 

Il processo di attuazione della Costituzione italiana non fu immediato, ma possiamo datarne l’inizio al 1956, anno in cui ha iniziato ad operare la Corte Costituzionale.

Gli Anni Settanta hanno visto   l’attuazione dei diritti sociali,   sono state infatti istituite le Regioni a statuto ordinario, è stata compiuta la riforma del diritto di famiglia,   sono state regolamentate le modalità di attuazione del referendum.

In questi anni si   assiste ad una vivacissima produzione normativa che contribuisce a dare piena efficacia a quella parte della Costituzione che in una prima fase era stata definita “programmatica” e quindi non sempre riportabile ad un contesto pragmatico.

Alla fine degli Anni   Settanta   si inizia anche a discutere di   riforme costituzionali, ma il primo documento organico in materia viene elaborato negli Anni   Ottanta dalla Commissione Bozzi , che riesce ad elaborare una proposta organica di riforma costituzionale, avente come oggetto essenzialmente la seconda parte della Costituzione.

Alla proposta della Commissione si affiancano altre proposte di diverse forze politiche, tendenti e modificare, come avviene per il MSI, la forma di governo ed altri essenziali caratteri del testo costituzionale.

Caratteri dei progetti di riforma   proposti sono:

·       Per quanto concerne i Principi fondamentali , in particolar modo l’MSI ha posto l’attenzione sull’art.1 e ha sottolineato il fatto che l’Italia debba essere definita una “repubblica fondata sulla giustizia sociale” e che sia ordinata secondo il sistema presidenziale.

 

·       Per quanto riguarda i Diritti e Doveri dei cittadini , la Commissione Bozzi sottolinea l’importanza dell’articolo 21 nel quale viene affermata “la libertà di pensiero” e viene sottolineato il fatto che sia importante la libertà di pensiero “seguendo e rispettando i limiti imposti dalla Costituzione e dalla legge”; legge che regolamenta lo stesso sistema televisivo.

 

·       Per   quanto riguarda la seconda parte della Costituzione :

 

·       Il PDS, per il Parlamento, propone l’istituzione di due Camere, mentre l’MSI propone l’eliminazione di una      Camera      ed     in particolar modo del Senato.

 

·       La Commissione Bozzi propone la diminuzione del numero dei deputati e dei senatori e la modifica del sistema elettorale per il Senato.

 

·       Per quanto riguarda la formazione delle leggi :

 

·       Viene proposto di elevare a 100.000 il numero degli elettori richiesto per la presentazione di proposte di legge.

 

·       Sulle proposte di iniziative popolare si richiede che il parlamento si pronunci entro 24 mesi, secondo la Commissione Bozzi, e entro 180 giorni, secondo il PDS.

·       Nel caso del referendum per l’abrogazione di una legge o di parte di essa, se ne condiziona la richiesta ad un numero di almeno 800.000 elettori. Comunque e` necessario verificare l’ammissibilità delle richieste di referendum e riguardo alle questioni di alta rilevanza politica possono essere sottoposte a referendum consultivo.

 

 

   L’MSI prevede per il Presidente della Repubblica un elezione a suffragio universale diretto, egli può   restare in carica per 7 anni e soltanto chi abbia compiuto 40 anni può essere eletto.

Il Presidente della Repubblica non e` immediatamente rieleggibile, ma negli ultimi 6 mesi del suo mandato può sciogliere una o entrambe le camere solo su parere conforme dei relativi presidenti.

 

·       Per quanto riguarda il Governo :

 

La Commissione Bozzi ha voluto sottolineare la rilevanza del rapporto gerarchico esistente   tra il Presidente del Consiglio e i vari ministri; infatti il Presidente del Consiglio, secondo quanto previsto nel documento, dovrebbe essere eletto   dal Parlamento in seduta comune a maggioranza dei suoi componenti.

Il candidato è designato dal Presidente della Repubblica che nomina il Primo Ministro e su proposta di questi   i vari   ministri.

·       Infine si propone una maggiore ampiezza del dettato dell’articolo 118 della Costituzione, prevedendo   la possibilità che le Regioni possano emanare norme riguardanti le funzioni amministrative su proposte di legge della Repubblica.    

 

 

VII.3.   I TERMINI   DEL DIBATTITO SULLE   RIFORME COSTITUZIONALI.

 

Tra la fine del   1996 e i primi mesi del 1997 si è ulteriormente approfondito il dibattito relativo alle riforme costituzionali: alcuni dei problemi affrontati riguardano la modifica dell’intero testo o solo della seconda parte relativa all’ordinamento dello Stato.

Particolare rilievo viene dato al tema concernente l’eventuale adozione di una nuova forma di governo e in generale   di nuove norme che sanciscano un nuovo assetto politico dell’Italia.

Si discute inoltre sull’opportunità di procedere alle riforme costituzionali attraverso il ricorso al procedimento di revisione sancito dall’articolo 138 della Costituzione o se affidare questo incarico ad un’Assemblea appositamente eletta dai cittadini   per la stesura del progetto di riforma.

Si confrontano quindi due posizioni:

·       Da una parte si propone di riscrivere l’intera Costituzione o una parte di essa mediante l’elezione di una nuova costituente, interrompendo in qualche modo la continuità giuridica e istituzionale;

·       Dall’altra parte si   ritiene sufficiente ricorrere al meccanismo di revisione costituzionale, eventualmente aggiornato per renderlo conforme alle garanzie delle minoranze necessarie nel nuovo sistema elettorale di tipo maggioritario.

 

Sostenitori della prima proposta sono i COBAC (Comitati di Base per la Costituente) guidati da Mario Segni e sostenuti dall’ex presidente della Repubblica Francesco Cossiga.

La Costituente, a differenza della Bicamerale, sarebbe un organo eletto “direttamente” dai cittadini   e avrebbe più ampi poteri, potendo intervenire con una riforma riguardante tutta la Costituzione e non soltanto sulla seconda parte; potrebbe inoltre porsi in conflitto con il Parlamento, dovendosi trovare a decidere sulle funzioni   future degli organi dello Stato.

 

La seconda ipotesi, che alla fine ha prevalso, prevede la formazione di una Commissione Bicamerale, con il compito di stilare il progetto di riforma costituzionale entro un termine tassativamente indicato dal Parlamento.

La Commissione   Bicamerale, è stata   istituita con legge costituzionale, approvata con una maggioranza di   2/3 , grazie alla convergenza dei voti provenienti dal   Centro - Sinistra e da Forza Italia.

Si è in tal modo evitato di dover sottoporre la legge istitutiva della Commissione al rischio di referendum costituzionale, secondo quanto stabilisce l’articolo 138 della Costituzione e si è anche avuto modo di saggiare la concreta possibilità di stabilire alleanze fra le forze politiche che compongono la Commissione, al di là degli schieramenti preordinati.

 

Dopo l’approvazione della legge costituzionale istitutiva della Bicamerale, si è passati all’elezione dei 35 Senatori e dei 35 Deputati,   la cui nomina compete ai Presidenti delle Camere.

Ai Deputati e ai Senatori, congiuntamente, compete l’elezione del Presidente della Bicamerale con una   maggioranza del 50%+1.

 

Sintetizzando e schematizzando la legge istitutiva, i compiti fondamentali della Commissione Bicamerale riguardano la stesura di un progetto di riforma costituzionale concernente l’ordinamento della Repubblica, cioè relativo ad eventuali modifiche della Forma di Governo, dell’organizzazione e delle funzioni delle Camere, dell’ordinamento giurisdizionale, del riconoscimento delle autonomie locali ed in generale relativamente a misure di   garanzia e salvaguardia della democrazia.

Il progetto di riforma stilato dalla Commissione deve essere sottoposto all’esame delle Camere, che dovranno esprimersi con due successive deliberazioni a distanza di almeno   3 mesi l’una dall’altra con maggioranza, con maggioranza assoluta o qualificata.

Infine il nuovo testo, dopo la duplice approvazione, dovrà essere sottoposto a referendum popolare, a cui dovranno, per validità partecipare la maggioranza degli aventi diritto al voto, e in cui vi dovrà essere la votazione a favore della maggioranza dei votanti; la conferma da parte dei cittadini consentirà quindi di ultimare il processo di modifica della carta costituzionale.



VII.4.   LA RIFORMA DELLE ISTITUZIONI E IL RUOLO DELLA COMMISSIONE BICAMERALE.

 

Molti sono i problemi con cui la Commissione Bicamerale viene chiamata a confrontarsi e, per quanto sia fortemente riduttivo, abbiamo tentato di individuare quelli che appaiono   più significativi e che sembrano al momento determinanti per un esito positivo dell’opera di riforma.

 

·       Il conflitto di interessi:

 

Si tratta di una questione che si è posta in modo forte   in questi ultimi anni, a seguito della creazione di un “partito azienda”, in cui sono emersi soggetti con   propri interessi economici e che, attraverso la conquista del potere politico, potevano influenzare le scelte economiche e istituzionali.

Per affrontare tale problema sarà necessario una regolamentazione dell’uso e della proprietà   mezzi comunicazione e bisognerà creare le condizioni normative perché chi ha un ruolo importante nel sistema economico non possa utilizzare il potere politico per   creare un sistema di   monopolio.

·       Il problema del riconoscimento delle autonomie locali e della difesa dell’unità dello Stato:

 

Un’ipotesi da molti sostenuta è quella di arrivare ad un “federalismo amministrativo”, con il riconoscimento di maggiori poteri alle Regioni per ridurre, così il volume di lavoro del Parlamento, a cui in ogni caso sono riservate competenze relative a materie di interesse nazionale.

La concessione alla regioni di un maggior potere decisionale, soprattutto in ambito economico, avrebbe lo scopo di alleggerire il Parlamento rispetto alle materie riservate all’ambito locale.  

Al Parlamento potrebbero essere riservate le decisioni sulle leggi fondamentali e il compito di uniformare la produzione normativa regionale

.

·       La nomina   del Presidente del Consiglio da parte del Parlamento:

 

Quando un Parlamento è stabile anche il Governo che ne è l’espressione lo è, quindi l’elezione parlamentare del Presidente del Consiglio, secondo i sostenitori di tale proposta, potrebbe portare una forte stabilità nel Governo; inoltre verrebbe veramente applicato il principio di imparzialità del PDR che rimarrebbe fuori dal sistema politico principale.

Al Presidente del Consiglio spetterebbe anche l’onere di nominare i ministri che compongono il suo Governo; al Parlamento sarebbe possibile porre una sfiducia, se costruttiva (cioè motivata e con un Governo pronto a subentrare).   

Questa proposta potrebbe comportare, secondo i suoi sostenitori anche un rafforzamento del Parlamento e ad una possibile regolamentazione dell’esercizio in via d’urgenza del potere normativo da parte del Governo, anche se le ultime   posizioni espresse dalla Corte Costituzionale sembrano andare in questa direzione.

 

·       Passaggio dal sistema proporzionale a quello maggioritario:

 

Nelle intenzioni dei promotori dei referendum elettorali la modifica del sistema avrebbe dovuto contribuire a garantire una maggiore stabilità e a   rafforzare il Parlamento.  

In pratica i nuovi sistemi elettorali si scontrano con un apparato di garanzie costituzionali concepito per operare con un sistema elettorale di tipo proporzionale.

Si rende quindi necessario, per le deliberazioni che comportino una tutela delle minoranze, agire sulla richiesta di quorum, che necessariamente dovrà essere innalzato, in modo che la materia costituzionale continui a rappresentare gli interessi di tutti i cittadini e non solo della maggioranza.

In quest’ottica si muove la proposta   di elevare a 2/3 il quorum necessario   per l’elezione del Presidente della Repubblica in tutti gli scrutini, del Presidente del Consiglio (in caso di elezione da parte del Parlamento), dei membri del Consiglio Superiore della Magistratura, dei giudici della Corte Costituzionale,   dei presidenti di Camera e Senato, e per l’approvazione delle leggi costituzionali.

 

·       Progetto di unificazione economica e monetaria:

 

Il processo di unificazione europea ha determinato il trasferimento di competenze nell’ambito economico, politico e militare, dal nostro Parlamento all’Unione Europea.

I regolamenti CEE sono una fonte di diritto prioritaria rispetto alla nostra normativa che, in caso di contrasto viene disattesa; per ovviare a questo problema il Parlamento deve essere più coinvolto nelle decisioni prese a Strasburgo e deve inoltre partecipare alla redazione di una Costituzione Europea, che potrebbe rappresentare un altro reale passo verso l’obiettivo comune previsto a fine secolo.

 

·       Collegamento tra sistema politico e partiti:

 

Dato lo stretto collegamento esistente fra sistema politico e partiti sarà necessario che nell’elaborazione del progetto si tenga conto dei problemi connessi.

La riforma dovrà anche   tener conto del problema   riferito all’informazione, che, se nelle mani di pochi non favorisce la partecipazione democratica;   a tale proposito bisognerà risolvere alcuni nodi fondamentali, quali:

a )   La riforma circa l’oligopolio delle TV, per permettere un libero accesso a tutti e una corretta gestione sia da parte del settore pubblico sia da parte di quello privato;

 

b ) La possibilità che lo Stato conceda infrastrutture per le sedi dei partiti, associazioni, a condizione che siano conformi alla Costituzione.

 

c )   L’eventuale ampliamento degli istituti di democrazia diretta (ad esempio con l’istituzione di referendum non solo abrogativi).

 

VII.5. UN PROGETTO DI MODIFICA DELLA FORMA DI GOVERNO: IL PRESIDENZIALISMO ALTERNANTE.

 

Sicuramente il punto più delicato in discussione   all’interno della Bicamerale sarà la proposta di modifica della forma di governo.

Trapiantare nel nostro paese una delle forme di governo vigenti in Europa o negli altri stati extraeuropei sarebbe un problema, in quanto la nostra situazione sociale, economica, storica e istituzionale è completamente differente.

Di conseguenza, si porrà l’esigenza di adattare le varie formule al nostro contesto interno.

·       Il sistema americano, ad esempio, propone l’elezione distinta del Presidente e del Congresso, venendo attribuiti al primo il potere esecutivo e al secondo il potere legislativo; non c’è un rapporto di fiducia tra il Congresso e il Presidente, esiste soltanto la procedura dell’ IMPEACHEMENT, che pero e` stata scarsamente utilizzata.  

·       E’ un sistema abbastanza rigido perché   tende a dividere i poteri e a ridurre al minimo quelli che sono i criteri di rappresentatività portati avanti dal sistema proporzionale e dal sistema parlamentare.   

Il problema di questa forma di governo e` il fatto che, se vi sono due maggioranze distinte, una che elegge il   Presidente e una che elegge il Congresso, il sistema può andare in blocco, perché entrambi gli organi possono condizionare la reciproca operatività.

Sicuramente, pero`, se il potere legislativo del Congresso non segue le linee proposte dall’esecutivo, diventa fortemente complesso il sistema di governo.   

Questo in America è accaduto; nel nostro paese, dove i conflitti tra le varie forze sono ancora più accentuati, in quanto vi e` un sistema multipartitico che amplia le distanze ideologiche, il presidenzialismo di stampo statunitense potrebbe rivelare forti difficoltà rispetto alla governabilità.     

·       Per quanto riguarda il Semipresidenzialismo alla francese, gli elettori eleggono direttamente sia   il Parlamento sia il   Presidente, il cui mandato si protrae per più di una legislatura.

    Il Presidente nomina un Primo Ministro che deve godere della fiducia del Parlamento; al Presidente appartiene il potere di sciogliere le Camere.

Questo sistema e` incentrato molto sulla figura del Presidente, anche perché è stato concepito   sulla figura di De Gaulle, che attraverso la riforma costituzionale del 1958 aveva ottenuto dai cittadini francesi ampi poteri sia rispetto al Parlamento sia rispetto al Governo.

In Italia, dove le differenze fra destra e sinistra sono abbastanza accentuate, questo problema potrebbe rivelarsi fatale; è inoltre contraria alle profonde radici storiche costituzionali   la scelta di concentrare nelle mani di un solo individuo il controllo delle sorti della democrazia.

Nel nostro Paese si è tentato, in un primo tempo, di intervenire nell’ambito delle riforme istituzionali con la modifica del sistema elettorale; in realtà il sistema maggioritario con correzione proporzionale non ha affatto garantito una maggiore stabilità al sistema: le forze politiche che si confrontano in Parlamento sono fortemente disgregate e continua ad essere difficile creare una maggioranza stabile.

L’Italia è ancora piuttosto distante dall’avvento di un sistema bipolare, che i promotori del nuovo sistema elettorale si aspettavano.

·       Il progetto presentato da Sartori   ha prevede   una nuova forma di governo detta “alternante”; secondo quanto previsto   gli elettori eleggono contemporaneamente il Parlamento e il Presidente, con due voti distinti.

 

Nella prima fase l’esecutivo viene nominato dal Parlamento, mediante la fiducia, e resta in carica fino a che questa non viene revocata;   però, quando questo sistema parlamentare va in crisi e cade il governo, si passa al sistema presidenziale e si ha l’instaurazione del “governo del Presidente”, che    non ha bisogno ne` della fiducia del Parlamento né può essere messo   in crisi dal     Parlamento, avendo la possibilità di completare la legislatura: si perviene quindi ad una seconda fase a tutti gli effetti presidenziale.

A questo punto però si pongono due grossi problemi:                                                                                                            

a ) Il Parlamento per non perdere il potere potrebbe tenere in vita un governo inesistente, cioè un Governo in cui varie           forze,   anche distanti ideologicamente, si sarebbero unite per andare avanti fino a fine legislatura.  

 

b ) Il Presidente,   per riuscire ad avere subito in mano il potere, potrebbe cercare di far cadere il Governo appoggiato dal   Parlamento, coalizzandosi con altre forze.

 

Questo sistema presenta quindi sia dei rischi nei termini di garanzie democratiche e dimostra di essere privo di quei requisiti di efficienza e stabilità, che ne hanno motivato la proposta.

Toccherà in ogni caso alla Commissione operare   una mediazione fra i vari sistemi in base a quelle che sono le identità sociali e politiche del nostro Paese, perché   i modelli a cui si sta guardando provengono da contesti molto dissimili da quello italiano.


CONCLUSIONE

 

Dallo svolgimento del convegno al   momento della stesura e della revisione del   fascicolo sono trascorsi circa tre mesi   e durante i tre mesi di attività della Commissione   i toni del dibattito sembrano essersi rivelati ancora più aspri.

Non vi è ancora la possibilità di fare previsioni precise relativamente agli esiti dei lavori della Commissione    e molti sono i soggetti che sono intervenuti su temi scottanti quali quello delle garanzie giurisdizionali, delle autonomie locali e della modifica della forma di governo.

Questo lavoro, come già chiarito nell’introduzione, vuole essere solo l’occasione per avvicinare i giovani ai grandi temi della Costituzione e delle sue radici,   essendo tutti noi ben consapevoli della sua incompletezza.

E’ di estrema difficoltà assumere una posizione chiara   nel dibattito sulle riforme, in quanto troppo alto è il coinvolgimento e notevole è forse anche la confusione.

Difficile è stabilire se solo attraverso l’inviolabilità della Costituzione si garantisca il carattere democratico dello Stato o se proprio attraverso un processo di aggiornamento di questa non si renda lo Stato stesso più adeguato alle nuove esigenze dei cittadini.

Abbiamo cercato fra le dichiarazioni dei Costituenti e di coloro che di Costituzione si occupano da anni: ci sembra di aver trovato almeno una risposta ai nostri interrogativi.

Una  può essere individuabile nelle parole di Don Giuseppe Dossetti, uno dei padri della Costituzione, che in uno dei suoi ultimi discorsi, così sostenne: “ ...Non si vuol avanzare la pretesa di bloccare il tempo, di fermare la storia: ma di fronte ai diritti costituiti, ci può essere solo un potere che espande, perfeziona, garantisce ulteriormente i diritti stessi o che modifica parti diverse non inviolabili della Costituzione (...)”.

A tale posizione si associa,   nel sostenere la necessità di un processo di revisione, il costituzionalista Franco Pizzetti, che afferma: “... Più che continuare a ritenere che tutto si risolva nell’indicare quali parti della Costituzione siano modificabili e quali no, è necessario piuttosto   chiarire che le modifiche proposte o adottate non possono essere in contrasto con i principi o i valori propri e specifici della nostra Costituzione, o, se si vuole, con le sue radici e con la storia che essa rappresenta (...)”.

 

                                                                              

 

 

 

 

                                                                     

 

APPENDICE

 

SCHEMA DELLA COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA

 

 

 

PRINCIPI FONDAMENTALI

 

 

1.   Repubblica democratica e sovranità popolare

 

2.   Diritti inviolabili e doveri inderogabili

 

3.   Uguaglianza formale e sostanziale

 

4.   Diritto al lavoro

 

5.   Autonomie locali e decentramento amministrativo

 

6.   Minoranze linguistiche

 

7.   Stato e Chiesa Cattolica

 

8.   Confessioni religiose

 

9.   Cultura, ricerca, tutela del paesaggio e patrimonio nazionale

 

10. Diritto internazionale e tutela degli stranieri

 

11. Ripudio della guerra

 

12. Bandiera della Repubblica

 

 

PARTE PRIMA:   DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI

 

 

TITOLO   I:       RAPPORTI CIVILI

 

 

13. Libertà personale

 

14. Inviolabilità del domicilio

 

15. Segretezza della corrispondenza

 

16. Libertà di circolazione e soggiorno

 

17. Libertà di riunione

 

18. Libertà di associazione

 

19. Libertà religiosa

 

20. Enti ecclesiastici

 

21. Libertà di manifestazione del pensiero

 

22. Capacità giuridica, cittadinanza, nome

 

23. Prestazioni personali e patrimoniali

 

24. Diritto di agire in giudizio, diritto alla difesa ed alla riparazione degli errori giudiziari

 

25. Giudice naturale, irretroattività delle leggi penali e misure di sicurezza

 

26. Estradizione del cittadino

 

27. Responsabilità e azioni penali

 

28. Responsabilità dei pubblici dipendenti

 

 

 

TITOLO   II:      RAPPORTI ETICO SOCIALI

 

29. Famiglia e matrimonio

 

30. Genitori e figli

 

31. Tutela della famiglia e della maternità

 

32. Tutela della salute e trattamenti sanitari

 

33. Libertà di insegnamento e ordinamento scolastico

 

34. Istruzione e diritto allo studio

 

 


 

TITOLO  III:     RAPPORTI ECONOMICI

 

 

35. Tutela del lavoro

 

36. Retribuzione, durata della giornata lavorativa e diritto alle ferie ed al riposo settimanale

 

37. Donna lavoratrice e lavoro minorile

 

38. Assistenza e previdenza sociale

 

39. Libertà sindacale

 

40. Diritto di sciopero

 

41. Libertà di iniziativa economica e suoi limiti

 

42. Proprietà e successioni

 

43. Espropriazione

 

44. Proprietà terriera

 

45. Cooperazione e artigianato

 

46. Cogestione

 

47. Risparmio

 

 

TITOLO   IV:    RAPPORTI POLITICI

 

48. Diritto di voto

 

49. Partiti politici

 

50. Diritto di petizione

 

51. Accesso ai pubblici uffici e alle cariche elettive

 

52. Difesa della Patria

 

53. Sistema tributario

 

54. Fedeltà alla Repubblica e doveri dei pubblici dipendenti

PARTE SECONDA: ORDINAMENTO DELLA REPUBBLICA

 

 

TITOLO    I:   IL PARLAMENTO

 

Sezione I : Le Camere

 

55. Composizione e seduta comune del Parlamento

 

56. Camera dei Deputati

 

57. Senato della Repubblica

 

58. Elezioni e condizioni di leggibilità dei Senatori

 

59. Senatori a vita

 

60. Durata delle Camere

 

61. Elezioni e riunione delle nuove Camere

 

62. Convocazione delle Camere

 

63. Presidenza delle Camere

 

64. Regolamento, sedute, deliberazioni delle Camere

 

65. Ineleggibilità e incompatibilità

 

66. Titoli di ammissione

 

67. Rappresentanza della Nazione

 

68. Immunità parlamentare

 

69. Indennità dei membri del Parlamento

 

 

Sezione II: La formazione delle leggi.

 

70. Funzione legislativa

 

71. Potere di iniziativa legislativa

 

72. Esame e approvazione delle leggi

 

73. Promulgazione, pubblicazione ed entrata in vigore delle leggi

 

74. Veto sospensivo del Presidente della Repubblica

 

75. Referendum popolare abrogativo

 

76. Decreti legislativi

 

77. Decreti legge

 

78. Stato di guerra

 

79. Amnistia e indulto

 

80. Ratifica dei trattati internazionali

 

81. Bilancio dello Stato

 

82. Commissioni di inchiesta parlamentare

 

 

TITOLO   II : IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

 

83. Elezione

 

84. Condizioni di eleggibilità

 

85. Durata in carica

 

86. Impedimenti

 

87. Funzioni

 

88. Scioglimento delle Camere

 

89. Controfirma

 

90. Irresponsabilità e messa in stato di accusa

 

91. Giuramento

 

 

TITOLO    III   : IL GOVERNO

 

Sezione I: Il Consiglio dei ministri

 

92. Consiglio dei Ministri

 

93. Giuramento del Presidente del Consiglio e dei Ministri

 

94. Fiducia del Parlamento al Governo

 

95. Funzioni del Presidente del Consiglio e dei Ministri

 

 

Sezione   II : La Pubblica Amministrazione

 

97. Organizzazione dei pubblici uffici

 

98. Pubblici dipendenti

 

 

Sezione III   :   Gli organi ausiliari

 

99. Il Consiglio Nazionale dell’Economia e Lavoro

 

100. Il Consiglio di Stato e la Corte dei Conti

 

 

TITOLO IV   :   LA MAGISTRATURA

 

Sezione I   :   Ordinamento giurisdizionale

 

101. Amministrazione della giustizia e giudici

 

102. Funzione giurisdizionale, giudici straordinari e speciali

 

103. Giurisdizioni speciali

 

104. Consiglio Superiore della Magistratura

 

105. Funzioni del Consiglio Superiore della Magistratura

 

106. Nomina dei   Magistrati

 

107. Inamovibilità, azione disciplinare, ruolo del Pubblico Ministero

 

108. Norme sull’ordinamento giudiziario e sulle giurisdizioni speciali

 

109. Polizia giudiziaria

 

110. Competenze del Ministro della Giustizia

 

 

Sezione II   :   Norme sulla giurisdizione

 

111. Motivazione impugnazione dei provvedimenti giurisdizionali

 

112. Pubblico Ministero

 

113. Tutela giurisdizionale contro gli atti della Pubblica Amministrazione

 

 

TITOLO V   :  LE REGIONI, LE PROVINCE, I COMUNI

 

114. Ripartizione territoriale della Repubblica

 

115. Autonomia regionale

 

116. Regioni a Statuto speciale

 

117. Ambito del potere legislativo regionale

 

118. Funzioni amministrative delle Regioni

 

119. Autonomia finanziaria e patrimoniale delle Regioni

 

120. Limiti all’autonomia regionale

 

121. Organi delle Regioni

 

122. Consiglieri regionali, Presidente e membri della Giunta

 

123. Statuto regionale

 

124. Commissario di Governo

 

125. Controllo sugli atti amministrativi delle Regioni e organi di giustizia amministrativa

 

126. Scioglimento del Consiglio regionale

 

127. Controllo, promulgazione, entrata in vigore delle leggi regionali

 

128. Autonomia comunale e provinciale

 

129. Decentramento statale e regionale

 

130. Controllo sugli atti amministrativi delle Province e dei Comuni

 

131. elenco delle Regioni

 

132. Fusione e creazione di nuove Regioni e distacco di province e Comuni   da una Regione all’altra

 

133. Mutamento e istituzione di nuove Province nuovi Comuni

 

 

TITOLO   VI   :   GARANZIE COSTITUZIONALI

 

 

Sezione    I   :   la Corte Costituzionale

 

134. Competenze della Corte Costituzionale

 

135. Giudici della Corte Costituzionale e sua composizione

 

136. Effetti, pubblicazione e comunicazione della sentenza di illegittimità costituzionale

 

137. Norme sulla Costituzione e funzionamento della Corte Costituzionale

 

 

Sezione   II   :   Revisione della Costituzione . Leggi costituzionali

 

138. Procedura di revisione della Costituzione e approvazione di leggi costituzionali

 

139. Irrevocabilità   della forma repubblicana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

BIBLIOGRAFIA

 

 

P.    Ortoleva - M. Revelli     Storia dell’età contemporanea   Edizioni Scolastiche Bruno Mondadori                                            Milano 1995

 

L. Bobbio, E. Gliozzi, L. Lenti   Introduzione al diritto e diritto pubblico   Elemond Scuola & Azienda                                       Milano 1996

 

G. Zagrebelsky, G. Oberto, G. Stalla, C. Trucco   Diritto   III volume    Le Monnier   Firenze, 1996

 

G. Neppi Modona   (a cura di)   Cinquant’anni di Repubblica italiana   Einaudi    Torino, 1996

 

A. Foa              Questo Novecento      Einaudi    Torino, 1996

 

C. Mortati        Istituzioni di diritto pubblico Cedam, Padova 1975

 

N. Bobbio        L’età dei diritti            Einaudi, Torino   1990

 

A. Di Giovine, M. Dogliani    Le forme di governo nelle democrazie occidentali    in

G. Neppi Modona (a cura di) Stato della Costituzione          Il Saggiatore, Milano   1995

 

G. Sartori         Ingegneria costituzionale comparata Il Mulino, Bologna   1995

 

Fondazione Istituto Piemontese A. Gramsci            Costituzione ed   educazione alla cittadinanza                                                          CE.SE.DI.    Torino 1996

                       

RECENSIONE DEL LIBRO


Qui va il pie' di pagina...

 Copyright ©2018 Ciro Roselli - Tutti i diritti riservatiTOP